Opportunità

Bookmark and Share
Foto

I Centri di Servizio per il Volontariato (CSV)

Riorganizzati a seguito della riforma del Terzo settore, i CSV offrono servizi di supporto tecnico, formativo ed informativo per il volontariato

I Centri di Servizio per il Volontariato (CSV), nati in attuazione dell'art. 15 della Legge quadro sul volontariato n. 266/1991, hanno lo scopo di sostenere e qualificare l'attività di volontariato. Sono finanziati attraverso il Fondo Unico nazionale (FUN), amministrato dall’Organismo nazionale di Controllo (ONC) e alimentato dai contributi annuali delle fondazioni di origine bancaria che, per tali contributi, si avvarranno del credito d’imposta a loro riconosciuto dallo Stato.
Il Codice del terzo Settore (Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117) all’art. 63 stabilisce che essi "utilizzano le risorse del FUN loro conferite al fine di organizzare, gestire ed erogare servizi di supporto tecnico, formativo ed informativo per promuovere e rafforzare la presenza ed il ruolo dei volontari negli enti del Terzo settore, senza distinzione tra enti associati ed enti non associati, e con particolare riguardo alle organizzazioni di volontariato, nel rispetto e in coerenza con gli indirizzi strategici generali definiti dall’Organismo Nazionale di Controllo".

Attività
I CSV possono quindi svolgere attività riconducibili alle queste tipologie di servizi:

  • servizi di promozione, orientamento e animazione territoriale.
  • servizi di formazione.
  • servizi di consulenza, assistenza qualificata ed accompagnamento;
  • servizi di informazione e comunicazione;
  • servizi di ricerca e documentazione;
  • servizi di supporto tecnico-logistico, finalizzati a facilitare o promuovere l’operatività dei volontari.

Il Centro di Servizio per il Volontariato del Lazio
Il CSV Lazio, nato il 1 gennaio 2019 dalla fusione di CESV e SPES, da vent’anni presenti sul territorio regionale, fa parte di CSV.net - Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato.
Il CSV Lazio, presente sul territorio regionale con 5 Case del Volontariato e 17 sportelli‚ si propone di rafforzare il proprio radicamento territoriale, ponendosi come attore dello sviluppo locale.

Per saperne di più vedere il portale del CSV Lazio, Volontariato.lazio.it, dove è disponibile anche l'elenco di tutte le sedi dei CSV sul territorio regionale.

Ultimo aggiornamento 26/02/2019