Per saperne di più

Mappa  [ Espandi ]

Zoom inZoom outVisualizzazione mappaVisualizzazione fotografica

Forum austriaco di cultura

Viale Bruno Buozzi, 113 - ROMA (RM)

Calcola percorso

Inserire l'indirizzo di partenza

Appuntamenti e iniziative

Bookmark and Share
sotto le stelle dell'austria

Dal 28 Giugno 2016 al 13 Luglio 2016

Sotto le stelle dell'Austria 2016

Forum austriaco di cultura - Viale Bruno Buozzi, 113 - ROMA (RM)

Film in versione originale sottotitolata per la quarta edizione della rassegna che propone i migliori titoli del cinema austriaco contemporaneo. Ingresso gratuito

Giunta alla quarta edizione e accolta da un successo sempre crescente, anche quest’anno la rassegna Sotto le stelle dell’Austria si conferma come un appuntamento unico per scoprire i migliori titoli del cinema austriaco contemporaneo, una realtà ormai tra le più dinamiche e interessanti della scena internazionale. 

Programma

  • 28 giugno ore 21.00 | Chucks di Sabine Hiebler, Gerhard Ertl (2015, 93’) 
    Mae è uno spirito libero: ha lasciato la scuola, è scappata di casa e vive di scorribande notturne, senza mai abbandonare le sue scarpe rosse (le “Chucks” del titolo), ricordo del fratello scomparso. Affidata ai servizi sociali, inizia a lavorare per un centro di assistenza ai malati di Aids, dove fa un incontro che cambierà per sempre la sua vita. Tra ironia e tenerezza, dramma e redenzione, un ritratto a tutto tondo di una giovane ribelle capace di scaldare il cuore.
    Presenta il film Cornelia Travnicek, autrice del bestseller Chucks
  • 30 giugno ore 21.00 | Einer von uns di Stephan Richter (2015, 86’) 
    Un enorme supermercato è l’unico punto di ritrovo per il quattordicenne Julian e i suoi amici, adolescenti allo sbando nel grigiore della provincia. Quando al gruppo si unisce anche Marko, appena uscito di galera, Julian decide di seguirlo in un’impresa che si rivelerà fatale. Ispirato a una storia vera, l’esordio di Richter è uno dei film austriaci più acclamati dell’anno, lucido e surreale al tempo stesso nel racconto di una società ormai sganciata da qualsiasi sistema di valori.
  • 5 luglio ore 21.00 | Superwelt di Karl Markovics (2015, 120’)  
    Gabi Kovanda, impiegata in un supermercato, conduce una vita ordinaria tra famiglia e lavoro, fino a quando le accade qualcosa di incredibile: l’incontro con Dio. Ma, a differenza di molti altri, Gabi non vuole averci niente a che fare e cerca di combattere questa strana “possessione”… Dopo il successo di Atmen Markovics firma una straordinaria commedia esistenziale, riuscendo a sorprendere, divertire e commuovere come solo i grandi autori riescono a fare.
  • 6 luglio ore 21.00 | Fang den haider di Nathalie Borgers (2015, 90')
    La documentarista belga Nathalie Borgers ricostruisce con spirito critico l’ascesa, la carriera e la caduta di Jörg Haider, uno dei politici più controversi della storia moderna. Leader del partito di destra FPÖ, la cui sorprendente affermazione alle ultime presidenziali austriache ha destato scalpore, Haider è stato tra i primi a usare senza remore l’arma del populismo. Un film fondamentale per interrogarsi sull’Austria e sull’Europa di oggi.
  • 12 luglio ore 21.00 | Meine keine familie di Paul-Julien Robert (2013, 93’) 
    Il regista ripercorre con sua madre la sua infanzia nella comune di Friedrichshof, tra le più grandi e longeve d’Europa, fondata negli anni settanta dal celebre artista dell’Azionismo Viennese Otto Mühl. Attraverso delle sensazionali immagini d’epoca, il film racconta il sogno dell’amore libero, dell’abolizione della proprietà e della famiglia tradizionale, ma anche il suo drammatico rovescio della medaglia, in un mirabile equilibrio di punto di vista tra pubblico e privato.
  • 13 luglio ore 21.00 | Paradies: hoffnung di Ulrich Seidl (2013, 92’)  
    Rimasto inedito in Italia, è l’ultimo capitolo della celebre “trilogia del Paradiso” di Seidl, il più ironico e riuscito dei tre film. Protagonista è la tredicenne Melanie, che passa l’estate in un campo per adolescenti obesi, innamorandosi del maturo dottore che la visita ogni settimana. Lo stile corrosivo e senza compromessi, la capacità di raccontare i corpi e i desideri più inconfessabili senza nessun filtro, ne fanno uno dei capolavori del maestro austriaco.

Ultimo aggiornamento 17/06/2016