Per saperne di più

Mappa  [ Espandi ]

Zoom inZoom outVisualizzazione mappaVisualizzazione fotografica

Teatro Argentina

Largo di Torre Argentina - ROMA (RM)

Calcola percorso

Inserire l'indirizzo di partenza

Appuntamenti e iniziative

Bookmark and Share
Foto

Dal 12 Gennaio 2020 al 21 Aprile 2020
dalle ore 11.00

Luce sull’archeologia 2020

Teatro Argentina - Largo di Torre Argentina - ROMA (RM)

Un ciclo di 8 incontri di storia e arte, con gli interventi di studiosi di primo piano, sul tema: Alle origini di Roma. Miti, popoli, culture

Il Teatro di Roma riporta in scena Roma e la sua Storia attraverso il ciclo di incontri di storia e arte Luce sull’Archeologia, sesta edizione di un appuntamento divenuto ormai imperdibile per il pubblico romano. Alle origini di Roma. Miti, popoli, culture è il tema del programma di otto appuntamenti - da gennaio ad aprile al Teatro Argentina, la domenica alle ore 11.00 (12 e 26 gennaio, 9 e 23 febbraio, 8 e 22 marzo, 19 aprile e un incontro straordinario il 21 aprile in occasione del Natale di Roma) - un viaggio di parole, testimonianze e immagini per raccontare non solo la storia più antica di Roma, ma anche la progressiva conquista del Lazio, analizzando i miti di fondazione e i popoli con i quali Roma si è trovata a confronto. Una riflessione sulla memoria di Roma e della sua regione, partendo da un confronto tra leggenda e realtà archeologica e articolando in ogni incontro i diversi punti di vista per coniugare filologia e narrazione.
A guidare il pubblico negli antichi percorsi e segni millenari di storia e cultura, saranno gli interventi di storici, filologi, archeologi, architetti, epigrafisti, scienziati con la preziosa partecipazione di musicisti e specialisti di strumenti musicali del mondo antico. Come di consueto, ad aprire ogni incontro saranno i contributi introduttivi dello storico dell’arte Claudio Strinati, del direttore dei giornali Archeo e Medioevo Andreas M. Steiner e del direttore associato dell’Istituto Nazionale di Studi Romani Massimiliano Ghilardi.

Programma

  • 12 gennaio - Le origini di Roma tra mito e storia
    Carmine Ampolo, professore emerito di Storia Greca alla Scuola Normale Superiore di Pisa, Orietta Rossini, responsabile del Museo Ara Pacis di Roma, e Anna Mura Sommella, già direttrice dei Musei Capitolini di Roma, illustreranno i contesti archeologici dell’area centrale di Roma per comprendere la formazione della città, in particolare gli scavi del Foro di Cesare e quelli sul colle Palatino. Entrambi contraddicono la ricostruzione incentrata su un atto di fondazione attribuito a Romolo e favoriscono l’idea di un processo in fasi diverse. Previsti un approfondimento sul Tempio di Giove Capitolino e un racconto delle origini di Roma attraverso sette capolavori ispirati al simbolo della città, la Lupa.
  • 26 gennaio - Enea, Roma e il Tevere
    Antonio Marchetta, professore di Lingua e Letteratura Latina alla Sapienza e Socio Ordinario dell’Istituto di Studi Romani, e Fausto Zevi, professore emerito di Archeologia e Storia dell’Arte Greca e Romana alla Sapienza, ripercorreranno l’arrivo di Enea alla foce del Tevere e la risalita del fiume fino alla città palatina di Evandro, che prefigura l’insediarsi sul Palatino di Augusto. Il racconto istituisce un tramite diretto fra Troia e Roma. L’Eneide di Virgilio permetterà di scoprire la dialettica fra memoria troiana e nuova realtà laziale.
  • 9 febbraio - Per volere degli dèi
    Piero Bartoloni, professore di Archeologia Fenicio-Punica a Sassari, e Annalisa Lo Monaco, professoressa di Archeologia Classica alla Sapienza, ripercorreranno la storia di Cartagine e della sua regina Didone, a cui sarà accompagnato anche un excursus lirico di arie ispirate all’infelice regina, tratte da Vinci, Cavalli, Mercadante, Purcell ed eseguite da Silvia Pasini (mezzosoprano), Andrea Fossa (violoncello) e Marco Silvi (clavicembalo).
  • 23 febbraio - La conquista del Lazio, tra storia, mito e religione
    Marisa De Spagnolis, già direttrice del Museo Archeologico di Sperlonga, Massimiliano Di Fazio dell’Università di Pavia, e Alessandro Pagliara, professore di Storia Romana a Parma, parleranno di Ulisse contro i Lestrigoni, di Odisseo ed Enea nella terra di Circe, della scoperta delle sculture marmoree nella grotta-ninfeo della villa di Tiberio a Sperlonga.
  • 8 marzo - Roma, il Lazio dei Ciclopi e lo sguardo dei Greci
    Luciano Canfora, professore emerito di Filologia Greca e Latina ai Bari e coordinatore scientifico della Scuola Superiore di Studi Storici di San Marino, Paolo Sommella, professore emerito di Topografia dell’Italia antica alla Sapienza, e Massimiliano Valenti, professore di Topografia antica all’Università della Tuscia-Viterbo e direttore dei Musei Civici Albano Laziale, illustreranno i grandi momenti urbanistici della Roma Repubblicana e del Lazio dei “Ciclopi” con riferimento alle mura poligonali e alla discussione sulla loro datazione e la loro origine.
  • 22 marzo - Testimonianze scritte e architettura
    Francesco Maria Galassi, professore Archaeology, College of Humanities, Arts and Social Sciences Flinders University, Australia, e direttore Fapab Research Center, Silvia Orlandi, professoressa di Epigrafia Latina alla Sapienza, e Alessandro Viscogliosi, professore di Storia dell’Architettura alla Sapienza, ci racconteranno come parlavano e scrivevano gli abitanti di Roma nei primi secoli della sua storia, ovvero il latino di Numa Pompilio. Seguirà una lectio sulle origini della medicina a Roma e un approfondimento sulle prodigiose architetture romane.
  • 19 aprile - Roma città aperta tra rappresentazione e realtà
    Carmine Ampolo, professore emerito di Storia Greca alla Scuola Normale Superiore di Pisa, Francesca Cenerini, professoressa di Storia Romana all’Alma Mater Studiorum di Bologna, e Stefano Tortorella, professore di Archeologia e Storia dell’Arte Greca e Romana e Direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici alla Sapienza, affronteranno Roma “città aperta”, tra rappresentazione e realtà; le residenze gentilizie e templi in età arcaica attraverso il sistema delle decorazioni fittili negli edifici del Lazio e dell'Etruria; il ruolo delle donne nella narrazione delle origini di Roma.
  • 21 aprile - Da Troia a Roma: il lungo viaggio degli eroi
    Nell’ambito dei festeggiamenti del Natale di Roma, con Massimiliano Ghilardi, Eugenio La Rocca, professore emerito di Archeologia e Storia dell’Arte Greca e Romana alla Sapienza, Domenico Palombi, professore di Archeologia Classica alla Sapienza, un approfondimento sui Penati romani trasferiti da Troia in Italia da Enea; sugli Eroi greci fondatori di città latine e sulla tragedia delle origini di Roma, il Rumon di Ignis, un’occasione per indagare la complessa ed eclettica personalità dell’autore (al secolo Roggero Musmeci Ferrari Bravo, 1868-1937), e conoscere più da vicino la genesi dell’opera teatrale.

Informazioni

Teatro di Roma - Teatro Argentina

Indirizzo: Largo di Torre Argentina, 52 - 00186 ROMA (RM)

Telefono: 06.684000346 - Biglietteria 06.684000311/14

Email: promozione@teatrodiroma.net

Sito web: http://www.teatrodiroma.net

Tariffe

Biglietto: singolo incontro, posto numerato 10 euro - Archeocard 7 incontri 60 euro

Parole chiave

arte storia archeologia teatro di roma Teatro Argentina antica Roma luce sull'archeologia incontri culturali

Ultimo aggiornamento 09/01/2020