Mappa  [ Espandi ]

Zoom inZoom outVisualizzazione mappaVisualizzazione fotografica

Auditorium Parco della Musica

Viale Pietro De Coubertin, 30 - ROMA (RM)

Calcola percorso

Inserire l'indirizzo di partenza

Appuntamenti e iniziative

Bookmark and Share
Foto

Dal 6 Aprile 2020 al 18 Maggio 2020
dalle ore 21.00

Lezioni di letteratura 2020

Auditorium Parco della Musica - Viale Pietro De Coubertin, 30 - ROMA (RM)

I grandi classici della letteratura protagonisti della rassegna di lezioni tenute dalle voci più importanti della cultura italiana e interpretati da grandi attori

Che cosa sono i classici della letteratura? E quale valore hanno oggi? I grandi classici sono le opere che hanno definito nel corso dei secoli il nostro sistema di valori, e che lo ridefiniscono ogni volta che sono riletti, reinterpretati, rimessi in circolazione. La nuova serie di Lezioni di letteratura sui grandi classici della narrativa, tenute dalle voci più importanti della cultura italiana e interpretati da grandi attori, si propone di rivitalizzare i valori che le opere hanno contribuito a fissare, attraverso una nuova e originale interpretazione. L’iniziativa è frutto di una collaborazione con la Fondazione De Sanctis, che da oltre un decennio promuove un programma di diffusione della lettura dei classici della letteratura italiana e internazionale in sedi istituzionali, a partire dal Quirinale, in Ambasciate e istituti di cultura all’estero, nei più celebri teatri italiani, ma anche nelle carceri e nelle scuole di frontiera.

Calendario

  • 6 aprile | Massimo Cacciari / Luigi Lo Cascio
    Il Principe di Macchiavelli
    L'attenzione su Machiavelli ha conosciuto negli ultimi anni un importante revival - libri fondamentali di Ciliberto, di Asor Rosa, di Ginzburg hanno arricchito la già sterminata bigliografia. E non a caso: viviamo per molti versi una crisi d'epoca analoga a quella tra '400 e '500: potenze e idee tradizionali collassano e nuovi ordini possono soltanto essere presagiti. 
  • 4 maggio | Nadia Fusini / Alba Rohrwacher
    La tempesta di Shakespeare
    La tempesta di Shakespeare nasce nel 1611 e in tutto e per tutto appartiene al suo tempo, ma secoli dopo è ancora viva per noi. Se questo accade è perché in essa si condensano esperienze e pensieri dell'epoca sua e al tempo stesso, miracolosamente e universalmente, si esprimono l'atto e la passione del vivere. Perché di vivere, non solo di sopravvivere, si tratta nella Tempesta. 
  • 11 maggio | Gustavo Zagrebelsky / Sergio Rubini
    I fratelli Karamazov di Dostevskij
    Il punto di partenza della requisitoria sono le tre tentazioni del Cristo nel deserto (i beni materiali – il pane -, i beni dell’immaginazione – prodigi – e i beni della potenza sugli altri uomini – i regni) ch’egli respinge per lasciare alle sue creature la libertà di scelta tra il bene e il male, tra lui e il demonio: dunque la libertà massima, che comprende tutte le altre. L’accusa che l’Inquisitore rivolge al Cristo è di avere destato sulla terra il desiderio di libertà, avendo voluto che ciascuno cercasse da sé, senza imposizioni, la propria felicità. Ma il libero desiderio – questa è la ragione dell’accusa - è la fonte di ogni dolore, è il dono avvelenato che porta infelicità e distruzione.
  • 18 maggio | Corrado Augias / Fabrizio Gifuni
    I promessi sposi di Manzoni
    Il romanzo di Manzoni può dare vita ad un possibile equivoco probabilmente per la sua obbligatoria lettura scolastica che lo avvicina pericolosamente ad un libro di testo. L’opera ha invece una grandezza psicologica e sociale che una lettura, per exempla, di tipo divulgativo è in grado di svelare. Manzoni non è solo un poderoso narratore, il suo ‘romanzo storico’ ambientato in un XVII secolo immaginario, parla in realtà dell’Italia – e degli italiani – dei suoi anni e dei nostri. Qui è il punto. Manzoni ha la grandezza di un classico non solo per la precisa bellezza della sua lingua ma anche perché è stato capace di individuare alcuni dei caratteri permanenti della società italiana. 

Informazioni

Auditorium Parco della Musica

Indirizzo: Viale Pietro De Coubertin, 30 - 00196 ROMA (RM)

Telefono: 06.80241281 - Biglietteria 892982

Fax: 06.80241211

Email: info@musicaperroma.it

Sito web: http://www.auditorium.com

Tariffe

ingresso 12 euro

Parole chiave

Auditorium Parco della Musica luigi lo cascio Corrado Augias sergio rubini Alba Rohrwacher Fabrizio Gifuni alessandro manzoni lezioni di letteratura

Ultimo aggiornamento 11/05/2020