Per saperne di più

Mappa  [ Espandi ]

Zoom inZoom outVisualizzazione mappaVisualizzazione fotografica

Istituto Centrale per la Grafica

Via della Stamperia, 6 - ROMA (RM)

Calcola percorso

Inserire l'indirizzo di partenza

Appuntamenti e iniziative

Bookmark and Share
Foto

Dal 6 Ottobre 2020 al 28 Febbraio 2021

Istituto Centrale per la Grafica: mostre 2020

Istituto Centrale per la Grafica - Via della Stamperia, 6 - ROMA (RM)

La Favola di Amore e Psiche di Raffaello e un omaggio a Piranesi e Tchoban al centro delle mostre in calendario. Ingresso gratuito

Dal 6 ottobre al 6 gennaio 2021 l'Istituto Centrale per la Grafica ospita Raffaello. La Favola di Amore e Psiche, organizzata in ricorrenza dei 500 anni dalla morte di Raffaello, per illustrare uno dei cicli di affreschi più celebri dell'artista, quello della Favola di Amore e Psiche nella Loggia della Farnesina, attraverso la traduzione a stampa commissionata dalla Regia Calcografia. Le tappe della mostra intendono ripercorrere il processo produttivo della riproduzione delle immagini che ha caratterizzato per oltre un secolo la “missione” della storica istituzione romana, si trattò dell’ultimo progetto editoriale della Calcografia per la traduzione a stampa del patrimonio nazionale: da quel momento si acquisì, infatti, piena consapevolezza dell’obsolescenza del tradizionale metodo di riproduzione delle immagini, affidato da secoli alle matrici, per cedere fatalmente il passo alla fotografia. La presenza, presso le collezioni dell’Istituto, di una rara e prestigiosa serie di fotografie della Ditta Adolphe Braun – che si era all’epoca distinta nel panorama dei professionisti a livello internazionale proprio per la riproduzione di opere pittoriche e grafiche grazie all’uso del procedimento al carbone – nonché della serie delle matrici calcografiche, accanto ai disegni preparatori e a vari altri materiali di documentazione, pertinenti l’intero ciclo produttivo della serie a stampa, costituisce la ragione peculiare e il focus tematico della mostra che l’Istituto intende presentare per la celebrazione del Maestro. L’esposizione includerà anche le opere che documentano la traduzione a stampa del Trionfo di Galatea. L’occasione si presta, inoltre, a rappresentare emblematicamente e far conoscere, anche a un pubblico di non addetti ai lavori, la specificità della storia artistica e del ruolo culturale svolto dalla Calcografia nell’ambito della divulgazione e della comunicazione visiva.

Inizierà il 15 ottobre (per concludersi il 28 febbraio 2021) Giambattista Piranesi. Sognare il sogno impossibile. Nell’anno 2020 ricorre il terzo centenario della nascita di Giambattista Piranesi (Venezia, 4 ottobre 1720), architetto, fondatore del moderno metodo scientifico di indagine archeologica, designer e imprenditore, noto soprattutto al grande pubblico come incisore tra i più grandi nella storia dell’arte grafica. L’Istituto, pertanto, intende celebrare l’incisore con una mostra nella quale sarà dedicato ampio spazio alle matrici che esaltano, nella loro unicità, il trionfo del progetto grafico piranesiano e del suo “sogno impossibile”. La mostra vuole far conoscere al grande pubblico anche le stampe, i disegni, dipinti e pezzi archeologici (repliche dalla Reale Accademia di Belle Arti di San Fernando Madrid) che sono in rapporto con l’opera dell’artista. I visitatori saranno accolti nelle sale espositive al primo piano di Palazzo Poli alla Fontana di Trevi da una proiezione multimediale a soffitto, curata da Civita Mostre e Musei, con la quale ci si propone di coinvolgere lo spettatore nella Roma della metà del Settecento, ambiente che Piranesi ha magistralmente eternato nelle sue Vedute. Una parte della mostra, nelle sale al piano terra del Palazzo, sarà poi dedicata alla tecnica incisoria piranesiana, analizzata con metodologie e strumenti messi a punto dal Laboratorio Diagnostico per le matrici di questo Istituto, e attraverso il metodo fotografico RTI (Reflectance Transformation Imaging), applicato alle matrici delle Carceri grazie alla collaborazione con il Dipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’architettura della Sapienza Università di Roma.

Sempre dal 15 ottobre (fino al 31 gennaio 2021), in occasione delle Celebrazioni per il Trecentenario della nascita di Giambattista Piranesi, il Palazzo della Calcografia ospiterà la mostra Sergei Tchoban - Imprint of the future. Destiny of Piranesi’s city. Architetto e disegnatore, Sergei Tchoban ha sempre cercato di comprendere le leggi che governano lo sviluppo di città come San Pietroburgo e i grandi prototipi a cui immagine è stata creata. È possibile preservare l'eccezionale qualità di queste città? Ed è possibile perseguire questa qualità oggi, nell'attuale fase di sviluppo dell'architettura? La mostra inizia con i disegni eseguiti da Sergei Tchoban nel corso degli anni. Questi disegni indagano il fenomeno della città europea tradizionale e gli elementi architettonici e urbanistici di cui è costituita. Le immagini di San Pietroburgo, la città dell'infanzia di Tchoban, e di numerose città europee "canoniche" (tra cui Roma, Venezia, Praga, Gand e Amsterdam) sono sostituite da monumenti architettonici del XX secolo che assomigliano a sculture indipendenti. Le forme dinamiche di questi edifici, i cantilever audaci e una plasticità che sembra negare la resistenza del materiale sono poi seguiti da fantasie architettoniche che Sergei Tchoban impiega come mezzo per guardare al futuro.

Informazioni

Istituto Centrale per la Grafica - Museo didattico

Indirizzo: Via della Stamperia, 6 - 00187 ROMA (RM)

Telefono: 06.699801

Fax: 06.69921454

Sito web: http://www.grafica.beniculturali.it

Giorni di apertura

  • lunedì – venerdì, ore 9.00 – 19.00
  • sabato e domenica, ore 9.00 -14.00

ultimo ingresso mezz’ora prima della chiusura

Parole chiave

cultura low cost gratis a Roma Istituto centrale per la grafica cinquecentenario Raffaello la favola di amore e psiche tullio gregory

Ultimo aggiornamento 05/10/2020