Appuntamenti e iniziative

Bookmark and Share
Foto

La cultura in casa

Tantissimi gli appuntamenti, gli approfondimenti e i video che le istituzioni culturali di Roma Capitale mettono a disposizione online per tutti, per tutta Italia

Roma Capitale della cultura, aderendo alla campagna #iorestoacasa, prosegue le attività su web e social con il programma #laculturaincasa. Sono tantissimi gli appuntamenti, gli approfondimenti e i video che le istituzioni culturali di Roma Capitale mettono a disposizione online per tutti, per tutta Italia, in questo periodo.  

Musei in Comune. In questo periodo di chiusura dei luoghi della cultura, si può - da casa con smartphone, tablet o pc - esplorare i Musei e i grandi capolavori che Roma custodisce. Sul sito dei MiC si possono conoscere e approfondire le straordinarie collezioni conservate nei musei civici, navigando tra le pagine delle diverse sedi museali e scegliendo il percorso fotografico attraverso le sale o le collezioni. Sono inoltre disponibili cinque tour virtuali fruibili da pc in lingua italiana e inglese, che propongono una visita a tutto schermo delle sale e dei capolavori esposti.  Le mostre in corso saranno presentate attraverso i social con post che illustrano opere, temi, artisti e contesti, a cominciare da Canova. Eterna bellezza e Sergio Leone. Dai canali social di Sovrintendenza  saranno illustrati alcuni aspetti dei principali monumenti della città, descritti in maniera dettagliata sul sito www.sovraintendenzaroma.itInoltre il Sistema Musei Civici di Roma Capitale ha aderito ed è presente sulla piattaforma online www.google.com/artproject sviluppata dal Google Cultural Institute. Qui il pubblico di tutto il mondo può ammirare immagini ad alta risoluzione delle opere d'arte più importanti messe a disposizione dai musei partner dell'iniziativa. Sono 15 i Musei Civici ospitati da Google Art Project e presenti sulla piattaforma con circa 800 immagini ad alta risoluzione delle opere più significative delle loro collezioni. Inoltre, per 12  musei è possibile anche visitare virtualmente le sale grazie alla tecnologia Street View che permette di muoversi a 360° e avvicinarsi alle opere, approfondendole con le schede di dettaglio. Facebook, Twitter e video sono integrati nella piattaforma, consentendo agli utenti di invitare i loro amici a vedere e discutere le loro opere preferite. Tra le altre funzioni a disposizione degli utenti, "Le mie Gallerie" permette di salvare viste specifiche delle opere d'arte selezionate e di costruire la propria galleria personale. 

Palazzo delle Esposizioni. Visitare, attraverso il racconto dei curatori e materiali inediti, le mostre del presente e del passato, riascoltare le conferenze degli esperti, partecipare a laboratori online per bimbi e ragazzi, sarà da oggi possibile sul sito e sui social media di Palazzo delle Esposizioni. Oltre agli approfondimenti sulle mostre di Gabriele Basilico, Metropoli, e di Jim Dine, si potrà assistere a tutte le conferenze della rassegna La Democrazia dello Sguardo su tecniche e storie della fotografia. Con l’hashtag #PdERemix rivivranno l’archivio delle mostre, le attività dai quaderni operativi e le conferenze scientifiche del Palazzo delle Esposizioni. Per i più piccoli, consigli di lettura dello Scaffale d’Arte e le proposte di laboratori a cura del dipartimento didattico.

MACRO. Sui profili social del MACRO prosegue HOW CAN WE RETHINK A CONTEMPORARY ART MUSEUM? - COME RIPENSARE UN MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA, il progetto già avviato da inizio marzo per raccontare per opere e immagini, intorno a dieci concetti chiave, il percorso che ha portato alla progettazione di Museo per l’Immaginazione Preventiva, il programma triennale del nuovo direttore artistico Luca Lo Pinto. Giorno dopo giorno il programma si articola in un manifesto che si espande per immagini. Ogni punto tocca un aspetto e una possibilità di ripensamento del museo e lo rappresenta attraverso libere associazioni visive, utilizzando l’immaginazione degli artisti e le loro diverse visioni. A questo si affianca JOMO – JOY OF MISSING OUT. Sviluppandosi principalmente sulla Instagram TV questo nuovo progetto parte dai limiti imposti dall'attuale stato di eccezione per avviare opportunità alternative di produzione di contenuti. Gli spazi digitali sono intesi come un'estensione del museo, affidati a una ventina di artisti, musicisti, architetti, chiamati a creare dei contributi originali da diverse parti del mondo. Sulle orme del museo immaginario di André Malraux, ognuno di loro produrrà delle clip di un minuto come fossero singoli capitoli di un unico grande racconto visivo espanso. Tra le prime adesioni: Assume Vivid Astro Focus (AVAF), Cara Benedetto, Daniel Blumberg, Hugo Canoilas, Antoine Catala, Rä di Martino, Emily Jacir, Ana Jotta, Phanos Kyriacou, Carlo Lavagna, Marc Leschelier, Marcello Maloberti, Olaf Nicolai, Charlemagne Palestine, Angelo Plessas e Luca Vitone.

Auditorium Parco della Musica. Con l'hashtag #AuditoriumLives è online il palinsesto digital della Fondazione Musica per Roma che ha l'obiettivo di far compagnia a tutti i suoi spettatori e utenti attraverso i suoi canali social (Facebook, Instagram, Twitter, Spotify, Telegram). Ogni giorno si potranno ascoltare playlist musicali a tema, riascoltare podcast delle lezioni di storia, jazz, rock, filosofia, matematica e rivedere video con i grandi protagonisti della scena musicale, le star della scienza, economia, letteratura italiana passati in Auditorium in questi anni. In particolare ogni lunedì ci sarà Oroscopo del lunedì, con la rubrica ascendenti musicali, una canzone per ogni segno zodiacale per iniziare al meglio la settimana. Il martedì è dedicato alla storia con i podcast delle Lezioni di storia, il mercoledì all'economia con i podcast del festival Economia Come, il giovedì della filosofia con i podcast dei Dialoghi filosofici, il venerdì del rock con i podcast delle Lezioni di rock, il sabato dei grandi incontri con i video delle dirette dei festival, incontri con Samantha CristoforettiAlberto Angela e altri grandi ospiti eccellenti, la domenica invece sarà alla scoperta dell’Auditorium con “speciali” dedicati alla costruzione della magnifica struttura. 

Casa del Jazz. Molti gli artisti di Casa del Jazz che si stanno mobilitando per regalare a tutti gli spettatori virtuali un brano, una lezione, un commento sulle pagine degli account social Casa del Jazz. Veri e propri atti d’amore verso la struttura di Villa Osio e il suo pubblico. E così sulla pagina Facebook e sui social della Casa si possono già trovare, e verranno pubblicati in questi giorni, i messaggi e le note di Fabrizio Bosso, Paolo DamianiEnrico Rava, Paolo Fresu, Roberto Gatto, Rita Marcotulli, Enrico Pieranunzi, Luca Velotti, Federica Michisanti, Jacopo Ferrazza e moltissimi altri.

Teatro dell'Opera. Il Teatro dell'Opera di Roma riproporrà sul sito e sui canali social, con #operahome, Teatro digitale, alcuni degli spettacoli più interessanti andati in scena nelle ultime stagioni. Per approfondire ogni titolo, ci sarà inoltre la possibilità di ascoltare anche il podcast delle Lezioni di Opera di Giovanni Bietti che con un linguaggio semplice e accessibile illustra il contesto e i contenuti musicali di ogni singola opera in modo da permettere a chiunque, appassionato o neofita, di godersi la rappresentazione, apprezzandone ogni sfumatura. 

Santa Cecilia. Sul sito e sui canali social dell’Accademia saranno disponibili, grazie a Rai Cultura, una serie di concerti corredati dai programmi di sala scaricabili gratuitamente. 

Biblioteche di Roma. Tante le iniziative previste, che è possibile seguire con gli hashtag #laculturaincasa e #iorestoacasaeleggo: visita mostre, contributi video di scrittori e artisti, estratti di poesia da mediateca nella Giornata della poesia in programma il 21 marzo, letture dalle biblioteche con nati per leggere. Inoltre è prevista una sezione sull'ampliamento della solidarietà digitale con la condivisione di link delle esperienze dei sistemi bibliotecari, librai ed editori, apertura di rubriche con appuntamenti giornalieri: voci dalle biblioteche, i Premi delle Biblioteche, Rodari tutto l’anno, mostre delle Biblioteche di Roma, bibliografia Coronavirus per adulti e bambini.

Fondazione Cinema per Roma. La Festa del Cinema di Roma lancia sui suoi social una nuova rubrica che promuove titoli delle passate edizioni, facilmente reperibili sulle piattaforme di streaming più diffuse, consigliandone la visione. Le pubblicazioni avvengono una volta al giorno su FB, TW, IG, IG stories, tag @romacinemafest. Dai social @romacityfest, invece, vengono rilanciate dalle pagine del MAXXI pillole video del curatore Mario Sesti, legate a Cinema al MAXXI, Extra DOC Festival e al Video Essay Film Festival.  

Casa del Cinema. Sui canali social della Casa del Cinema è partita una programmazione giornaliera. Tra le proposte la rubrica La cineteca del direttore, un dialogo a distanza con i suggerimenti e i consigli di Giorgio Gosetti. La Casa farà poi gli auguri a registi e attori che compiono gli anni nei prossimi giorni, proponendo citazioni famose e interviste realizzate alla Casa del Cinema.

Nuovo Cinema Aquila. Il Nuovo Cinema Aquila propone sulla propria pagina Facebook ‘l diario della chiusura: pillole su film di ieri e di oggi, per condividere informando e strappando un sorriso, restando vicini seppur lontani.

Romaeuropa Festival. Materiali d’archivio audio-visivi animeranno le pagine social e web del Romaeuropa Festival per ripercorrere, in occasione della sua vicina XXXV edizione, il meglio della creazione contemporanea portata in scena a Roma a partire dal 1986, anno della sua fondazione. A partire da questa settimana saranno disponibili videointerviste ai maestri della scena contemporanea, le registrazioni degli incontri tra pubblico e artisti realizzati in collaborazione con Rai Radio 3 nell’ambito di Post-it, materiale testuale e fotografico e Memo REf un piccolo gioco che, a partire dagli scatti del fotografo Piero Tauro,  invita a indovinare, ricordare e ripercorrere i più importanti appuntamenti del festival. 

Per approfondimenti e aggiornamenti basta seguire sui social @culturaroma con gli hashtag #iorestoacasa e #laculturaincasa

Ultimo aggiornamento 23/03/2020