Per saperne di più

Indirizzi utili

Mappa  [ Espandi ]

Zoom inZoom outVisualizzazione mappaVisualizzazione fotografica

Casa del Cinema

Largo Marcello Mastroianni - ROMA (RM)

Calcola percorso

Inserire l'indirizzo di partenza

Appuntamenti e iniziative

Bookmark and Share
piccola scena digitale

9 Giugno 2015
dalle ore 20.30

Piccola scena digitale 2015

Casa del Cinema - Largo Marcello Mastroianni - ROMA (RM)

Proiezione ad ingresso gratuito delle 13 opere finaliste del concorso per cortometraggi dedicato alle prigionie invisibili contemporanee

Il festival Piccola scena digitale nasce dal progetto carcerAzioni. Prigionie dei nostri tempi, un percorso di eventi e incontri sul tema delle prigionie invisibili contemporanee che, dal dicembre 2013 all’aprile 2014, ha indagato il concetto di libertà o la sua privazione con mostre, letture, proiezioni, laboratori e performance.
All’interno del progetto carcerAzioni si è svolto un concorso per cortometraggi che ha scelto di indagare, attraverso la forma del video-teatro, della video-danza e della video-performance, le molteplici e variegate interpretazioni del concetto di “prigionia invisibile” già espresso da Samuel Beckett nella sua opera, ma attualizzato nella società contemporanea attraverso le trasformazioni sociali che hanno generato nuove migrazioni e moderne oppressioni.
Le opere finaliste del concorso saranno presentate martedì 9 giugno alle ore 20.30 alla Casa del Cinema con la proiezione dei 13 lavori scelti, tra quelli pervenuti, dal comitato di selezione. I titoli in concorso raccontano attraverso la forma del video, l’idea di prigionia nel nostro tempo, intesa come impedimento fisico o come scelta di sottrarsi a un comportamento omologato. Sono storie o spaccati di vita o riflessioni estetiche che affrontano da angolazioni diverse il complesso mondo del disagio: in soggettiva, toccando esperienze personali o allargando il focus sul mondo anche attraverso una narrazione storica. In questo senso, il video cerca tracce nel teatro o nella danza o nella performance per ricreare un originale tessuto visivo.
Come premio al vincitore del concorso andrà l’opera A Samuel Beckett, una scultura di Luciano Minestrella in legno, acciaio e travertino con tecnica di assemblaggio di più materie, ispirata al pensiero dello scrittore e drammaturgo irlandese.

Maggiori informazioni su Culturaroma.it.

 

Ultimo aggiornamento 08/06/2015