Per saperne di più

Mappa  [ Espandi ]

Zoom inZoom outVisualizzazione mappaVisualizzazione fotografica

La Galleria Nazionale

Viale delle Belle Arti, 31 - ROMA (RM)

Calcola percorso

Inserire l'indirizzo di partenza

Appuntamenti e iniziative

Bookmark and Share
Foto

Dal 11 Ottobre 2016 al 15 Aprile 2018

Time is out of joint

La Galleria Nazionale - Viale delle Belle Arti, 31 - ROMA (RM)

L’esposizione sonda l’elasticità del concetto di tempo: un tempo non lineare, ma stratificato

Con l’apertura della grande mostra Time is out of joint, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea scrive un nuovo capitolo della sua storia portando a compimento l’ampio processo di trasformazione, riorganizzazione e riallestimento con la restituzione al pubblico di spazi completamente rinnovati e con la profonda rilettura delle sue collezioni.
Sostenuta dall’autonomia speciale della riforma del MiBACT, la Galleria Nazionale si propone come luogo di scoperta, aperto alla ricerca e alla contemplazione, e spazio di riflessione sui linguaggi, sulle pratiche espositive e sul ruolo del museo contemporaneo.

Time is out of joint, aperta al pubblico fino al 15 aprile 2018, è un progetto di Cristiana Collu, in collaborazione con Saretto Cincinelli e il Collegio tecnico scientifico della Galleria Nazionale e conta circa 500 opere, compresi i prestiti esterni provenienti da musei pubblici e collezioni private, e circa 170 artisti.
L’esposizione, il cui titolo cita i versi dell’Amleto di William Shakespeare, sonda l’elasticità del concetto di tempo, un tempo non lineare, ma stratificato, che sembra porre in atto il dilemma dello storico dell’arte Hans Belting “la fine della storia dell’arte o la libertà dell’arte”. È, dunque, il definitivo abbandono di qualsiasi linearità storica, per una visione che dispiega, su un piano sincronico, le opere come sedimenti della lunga vita del museo di cui fanno parte tra gli altri: Carla Accardi, Giacomo Balla, Gianfranco Baruchello, Alighiero Boetti, Giovanni Boldini, Georges Braque, Daniel Buren, Alberto Burri, Alexander Calder, Casorati, Paul Cézanne, Gustave Courbet, Enzo Cucchi, Giorgio De Chirico, Gino De Dominicis, Edgar Degas, Jean Dubuffet, Marcel Duchamp, Max Ernst, Tano Festa, Giosetta Fioroni, Alberto Giacometti, Renato Guttuso, Francesco Hayez, Alain Jacquet, Yves Klein, Gustav Klimt, Jannis Kounellis, Joseph Kosuth, Sarah Lucas, Mario Mafai, René Magritte, Joan Mirò, Amedeo Modigliani, Piet Mondrian, Claude Monet, Luigi Ontani, Adrian Paci, Gina Pane, Pino Pascali, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Giuseppe Penone, Alessandro Piangiamore, Michelangelo Pistoletto, Jackson Pollock, Man Ray, Auguste Rodin, Ugo Rondinone, Medardo Rosso, Mimmo Rotella, Mario Schifano, Thomas Schütte, Gino Severini, Antoni Tàpies, Cy Twombly, Vincent van Gogh, Andy Warhol.

Altre mostre in corso

Guido Strazza. Ricercare | dal 7 febbraio al 26 marzo 2017 - sala via Gramsci
L’esposizione, a cura di Giuseppe Appella, ripercorre oltre mezzo secolo attraverso la sua attività: 56 dipinti, 3 sculture, 42 disegni, 31 incisioni (le cartelle Ricercare del 1973 e Orizzonti olandesi del 1974, insieme ad alcune incisioni datate 1974-2001 legate ai dipinti e ai disegni dal 1942 al 2016). Le opere scelte, che provengono dalla collezione dell’artista e da alcune collezioni pubbliche e private, sviluppano metodologicamente la didattica del segno, ovvero l’elaborazione di ogni immagine possibile, il pensiero in dialogo con ciò che possiamo vedere e far vedere. Nel corso della sua lunga carriera, in cui – come l’artista spesso ha sottolineato – grande importanza ha avuto, come elemento originale di confronto e creatività, il “momento” didattico, Strazza ha sviluppato una forte connotazione personale, che ne rende impossibile l’inquadramento in uno qualsiasi dei tanti movimenti che hanno attraversato il dibattito artistico del dopoguerra, al quale ha comunque partecipato con contributi a tutto campo.

Museum beauty contest | dal 20 febbraio al 1 maggio 2017
Il concorso di bellezza organizzato dall’artista Paco Cao con le opere della Galleria giunge alla sua fase finale: i concorrenti saranno esposti nel Salone Centrale e nelle sale della Galleria e il voto potrà essere dato sia online sia di persona, inserendo la scheda nell’urna apposita. Il concorso di bellezza terminerà con le celebrazioni del Gran Finale il 27 marzo 2017, in cui si terrà la cerimonia di proclamazione dei vincitori per ciascuna categoria, Miss e Mister Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, e saranno assegnate le varie onorificenze. La mostra resterà aperta fino al 1 maggio 2017. I due vincitori saranno gli ambasciatori della Galleria Nazionale per tutto il 2017.

Giacomo Balla. Un'onda di luce | dal 21 febbraio al 26 marzo 2017 - sala via Gramsci
Il consistente nucleo di opere di Giacomo Balla nelle collezioni della Galleria Nazionale è frutto dell’illuminata generosità delle figlie dell’artista verso il museo che già nel 1971 aveva organizzato una importante retrospettiva. I 35 dipinti donati da Elica e Luce Balla nel 1984 comprendono diversi capolavori e opere chiave del periodo futurista. Nel 1994 Luce Balla indicava la Galleria quale destinataria di un ulteriore gruppo di opere, affidando a Maurizio Fagiolo dell’Arco l’incarico di selezionarle tra dipinti, disegni, studi. La mostra che si apre alla Galleria Nazionale, a cura di Stefania Frezzotti, espone per la prima volta insieme le opere provenienti da entrambe le donazioni, offrendo così l’occasione di una rilettura essenziale, ma efficace, del percorso di Balla attraverso opere significative dei momenti salienti della sua attività: dalla fase pioneristica del primo decennio del novecento, quando Balla individua nel divisionismo e nella fotografia il linguaggio del moderno, attraverso poi le  ricerche sulle dinamiche del movimento e della velocità; dagli studi per motivi decorativi e per le arti applicate, fino alla lunga stagione di adesione ad un suo personalissimo realismo e di ritorno ai temi a lui cari del paesaggio romano, del ritratto, degli affetti familiari.

Genius Loci. Nel teatro dell'arte | dal 4 aprile al 4 luglio 2017 - sala Aldovrandi
Prima mostra delle fotografie di Roberto Cotroneo. Le sale di un museo d’arte prevedono un pubblico che guarda le opere, non un pubblico che osserva un pubblico. E la scena non è quella dell’opera, ma quella del pubblico che la attraversa. L’obiettivo di Cotroneo cattura le persone dentro uno spazio espositivo, intenti a osservare un quadro di Edward Hopper o di Piero della Francesca, una fotografia di David Lachapelle o un’opera di Alberto Burri o di Mimmo Paladino. L’osservazione lo porta a inserire i soggetti dentro un’immagine ulteriore, che è l’immagine fotografica, capace di sommare le diverse arti con i corpi in movimento, i riflessi, le posture, la sensualità. Molti visitatori, se non quasi tutti, fotografano quello che vedono; altri si assentano, trovano distrazioni, guardano gli smartphone e attendono notizie dal loro mondo privato all’interno di spazi estranei.

Per arricchire l'esperienza di visita della Galleria e delle sue immense collezioni è disponibile un'app (per iOS e Android) gratuita.

Informazioni

La Galleria Nazionale

Indirizzo: Viale delle Belle Arti, 131 - 00197 ROMA (RM)

Telefono: 06.322981

Fax: 06.3221579

Email: gan-amc@beniculturali.it

Sito web: http://lagallerianazionale.com/

Giorni di apertura

da martedì a domenica 8.30 — 19.30

Tariffe

biglietti: intero 6 euro, ridotto 4 euro

Parole chiave

Cristiana Collu Giacomo Balla adrian paci lucio fontana time is out of joint la galleria nazionale alberto giacometti gustav klimt contemporaneamente roma

Ultimo aggiornamento 22/03/2017