Appuntamenti e iniziative

Bookmark and Share
Agenda teatrale marzo 2015

Dal 1 Marzo 2015 al 29 Marzo 2015

Agenda teatrale - marzo 2015

Tosca, Otello, Don Giovanni, Edipo, in cartellone riscritture dei classici originali e dissacranti, accanto ad acute letture della contemporaneità. Riduzioni e contest Incontragiovani

  • dal 1 al 12 marzo | Teatro dell'Opera di Roma - Teatro Costanzi
    Tosca
    Melodramma in tre atti, musica di Giacomo Puccini, libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, tratto dal dramma omonimo di Victorien Sardou
    Direttore Donato Renzetti, regia Alessandro Talevi, Maestro del Coro Roberto Gabbiani, scene Adolf Hohenstein ricostruite da Carlo Savi, costumi Adolf Hohenstein ricostruiti da Anna Biagiotti, luci Vinicio Cheli. Orchestra e Coro del Teatro dell’Opera, con la partecipazione del Coro di Voci Bianche del Teatro dell'Opera.
    In scena la tragica vicenda di amore e morte, arte e rivoluzione sullo sfondo della Roma ottocentesca. Il capolavoro pucciniano, vertice assoluto della lirica incondizionatamente amato dal pubblico, è presentato nel nuovo allestimento ricostruito sui bozzetti originali della prima esecuzione del 1900. Tra gli interpreti che si alternano nelle repliche di marzo: Oksana Dyka, Raffaella Angeletti, Virginia Tola nel ruolo di Floria Tosca; Yonghoon Lee, Massimiliano Pisapia, Stefano La Colla nel ruolo di Mario Cavaradossi; Roberto Frontali e Claudio Sgura nel ruolo del Barone Scarpia. Prevista una ripresa nel mese di giugno 2015.
    Biglietti da 17 a 160 euro. Per i giovani fino a 25 anni, gli studenti fino a 30 anni e gli over 65: riduzione del 25% (prime e posti in balconata e galleria esclusi).
    www.operaroma.it
  • dal 3 al 15 marzo | Teatro Argentina
    Il Don Giovanni. Vivere è un abuso, mai un diritto
    di e con Filippo Timi e con Lucia Mascino
    Né secondo Molière, né secondo Mozart: Filippo Timi, irriverente più che mai, riscrive il Don Giovanni rivisitando da par suo il mito del Burlador de Sevilla. Sulla falsariga del libretto di Da Ponte, con spezzature, metafore, allusioni e ironie, il gioco di Timi fa esplodere una tradizione che parte dalla leggenda di Orfeo sbranato dalle femmine invasate, passa per l’arte della fuga scenica e musicale, per la dissoluzione delle istituzioni, per la forza anarchica della passione autodistruttiva e approda all'esito paradossale di una religione della mente “con un Dio così umano da far tenerezza”.
    Ridotti con Incontragiovani nei giorni martedì, mercoledì e giovedì > platea 15 euro - palchi platea, I e II ordine 13 euro - III e IV ordine 11 euro
    www.teatrodiroma.net.
  • dal 5 al 8 marzo | Dominio pubblico - Teatro dell’Orologio
    Edipus
    di Giovanni Testori, uno spettacolo di Leo Muscato con Eugenio Allegri
    La Trilogia degli Scarrozzanti è probabilmente uno fra i più significativi ed emozionanti manifesti d’amore per il teatro che siano stati mai scritti. Giovanni Testori inventa una compagnia di guitti che bazzica teatri semivuoti e fatiscenti. Una compagnia di ultimi, di diversi, di avanzi della società che non vuol saperne nulla della loro arte. Ma loro non demordono: sono convinti che “el teatro existe e rexisterà contra de tutti e de tutto, infino alla finis delle finis”. E per questo si ostinano a recitare le grandi opere del passato: le reinventano, le riscrivono. Forse le massacrano. Ma non è forse vero che il ‘Massacro’ contiene anche un po’ di Sacro?
    Ridotti con Incontragiovani: 8 euro (+ 3 euro per la tessera annuale)
    www.dominiopubblicoteatro.it
  • dal 7 all'8 marzo | Teatro Tor Bella Monaca
    Serata Spellbound
    coreografia e regia Mauro Astolfi, con Sofia Barbiero, Fabio Cavallo, Alessandra Chirulli, Maria Cossu, Giovanni La Rocca, Mario Laterza, Gaia Mattioli, Giuliana Mele, Cosmo Sancilio.
    Per i 20 anni dello Spellbound Contemporary Ballet, proposti estratti da coreografie di successo come How To Pray, un passo a due sensuale e affascinante sulle note di J.S.Bach e Lars Danielson, Controfase e She is on the ground, oltre a una sezione inedita da Lost For Words - L’invasione delle parole vuote e Small Crime, duetto che ha debuttato a New York lo scorso gennaio.
    Biglietti: intero 10 euro, ridotto 8 euro.
    www.casadeiteatri.roma.it
  • dal 10 al 15 marzo | Teatro India
    Paranza, il miracolo
    un progetto di Clara Gebbia, Katia Ippaso, Enrico Roccaforte, Antonella Talamonti, con Nené Barini, Filippo Luna, Germana Mastropasqua, Alessandra Roca
    Una grande città nell’Italia di oggi. Quattro individui si trovano per strada: un manager esodato, una malata in attesa di cure, una cantante di talento, una signora benestante ma terremotata. Sono i protagonisti di uno spettacolo di pietas e di denuncia, di parola e canto che si interroga sulla condizione umana. La Paranza, termine usato a Napoli anche per indicare i gruppi di fedeli in pellegrinaggio, è quella degli “aventi diritto” che si trasformano in “richiedenti miracoli”. Persone che hanno perso tutto, ma sono ancora capaci di esprimere bellezza e ironia. Per ricordarci che siamo esseri umani con bisogni, diritti e desideri.
    Ridotti utenti Incontragiovani: posto unico 14 euro per le repliche del martedì, mercoledì e giovedì.
    teatrodiroma.net
  • dal 10 al 29 marzo | Teatro della Cometa
    Il più bel secolo della mia vita
    scritto e diretto da Alessandro Bardani e Luigi Di Capua, con Giorgio Colangeli, Francesco Montanari e con Maria Gorini
    Nel nostro paese c'è una legge, tutt'ora in vigore e unica in Europa, che vieta ai figli non riconosciuti alla nascita, detti in gergo "N.N.", di venire a conoscenza dell'identità dei genitori naturali se non dopo aver compiuto 100 anni. La commedia racconta l'incontro tra Giovanni e Gustavo, due N.N., rispettivamente di 34 e 99 anni e il loro divertente, ironico e dissacrante viaggio alla ricerca delle proprie origini.
    Ridotti con Incontragiovani: 10% su abbonamenti e biglietti a tariffa intera nei giorni martedì, mercoledì, giovedì e sabato pomeriggio.
    www.teatrodellacometa.it
  • dal 17 al 29 marzo | Teatro Quirino - Vittorio Gassman
    Otello
    di e con Luigi Lo Cascio, liberamente ispirato all'Otello di William Shakespeare
    regia Luigi Lo Cascio, con Vincenzo Pirrotta, Valentina Cenni, Giovanni Calcagno
    Un Otello scarnificato, ridotto a tre, anzi quattro personaggi: il condottiero, l'alfiere, Desdemona, ai quali si aggiunge l'invenzione di un soldato che si fa narratore, coscienza critica, coro. Attraverso una scrittura in cui la lingua italiana e quella siciliana si fronteggiano a colpi di endecasillabi, il testo mette a fuoco le parti dell'originale shakespeariano che obbligano a confrontarsi con l'enigma delle passioni umane. La storia di Otello è la storia di un uomo. E ciò che lo conduce al suo atto scellerato è la differenza tra uomo e donna, dalla quale talvolta può scaturire un odio smisurato.
    Ridotti con Incontragiovani: under 26 - Riduzione Promo del 35% circa per l’acquisto di biglietti e del 20% sugli abbonamenti; dai 26 ai 35 anni - Riduzione del 20% circa per l’acquisto di abbonamenti e biglietti. Per le recite dal martedì al giovedì, esclusi festivi e prefestivi.
    www.teatroquirino.it
  • dal 24 al 26 marzo | Teatro Due Roma
    Onorata società
    di Francesco Niccolini, regia Daniela Mattiuzzi e Patricia Zanco, con Patricia Zanco, primo spettatore Roberto Aldorasi
    Vajont, 9 ottobre 1963. Precipita una montagna, cade su un bacino idroelettrico: intatta la diga, distruzione e morte tutto intorno. Fatalità o calcolo del profitto? L'onorata società è un coro di personaggi, umani e non, che raccontano la loro versione della tragedia. La storia di un genocidio, dell'arrogante sfruttamento di una terra che ne uscirà annientata, della deportazione e distruzione, nei corpi e nello spirito, di un'intera comunità. Al feroce banchetto sono seduti industriali, scienziati, tecnici, avvocati, giudici, commercialisti, professori universitari, notai, giornalisti, funzionari dello stato. Il testo è un alto esempio di teatro civile e denuncia sociale che, con rabbia e ironia, entra sotto la pelle viva di una tragedia nazionale, il Vajont: modello perverso che in Italia sembra destinato a ripetersi sistematicamente. Nell'ambito della rassegna A Roma! A Roma!
    Biglietti: intero 15 euro, ridotto 12 euro, gruppi 8 euro.
    CONTEST INCONTRAGIOVANI >>> In palio 2 biglietti (uno per vincitore) per lo spettacolo del 26 marzo, con riduzione per l'accompagnatore (biglietto 8 euro). Scopri come partecipare
    teatrodueroma.wordpress.com
  • dal 24 al 29 marzo | Teatro Vascello
    Il ritorno a casa
    di Harold Pinter, traduzione Alessandra Serra, regia Peter Stein, con Paolo Graziosi, Alessandro Averone, Elia Schilton, Antonio Tintis, Andrea Nicolini, Arianna Scommegna
    Sono profondi i pericoli insiti nelle relazioni umane e nel rapporto precario tra i sessi. La giungla nella quale si combatte è, naturalmente, la famiglia. Quando uno dei fratelli torna dall'America con la nuova moglie, i comportamenti formali degli altri si tramutano presto in aggressività fatale. Tutte le ossessioni sessuali maschili in questa famiglia di serpenti si proiettano sull'unica donna presente e a lei non rimane che la vendetta. Soddisfacendo la loro bramosia più del previsto. Il finale è aperto: la donna sovrasta gli uomini anelanti ai suoi piedi e nessuno, sulla scena e nell'uditorio, sa cosa potrà accadere.
    Ridotti con Incontragiovani: riduzione di 10 euro sul secondo biglietto intero (un biglietto a 15 euro e il secondo 5 euro)
    www.teatrovascello.it
  • dal 25 al 29 marzo | Teatro di Documenti
    Kokoschka e la sposa del vento
    drammaturgia e regia di Gaston Troiano
    L'amore: quando da passione diventa ossessione, da sentimento si trasforma in follia, in patologia. Gaston Troiano, autore e regista argentino, ha raccolto la sostanza drammaturgica dalla storia d'amore di due icone dei primo Novecento, Alma Mahler e Oskar Kokoschka, ricostruita attraverso lettere e tracce di vita in cui musica e pittura si fondono in un gioco teatrale tinto di raffinata ironia.
    Biglietti: intero 10 euro, ridotto 8 euro, tessera associativa 3 euro.
    www.teatrodidocumenti.it
  • 28 e 29 marzo | Teatro Biblioteca Quarticciolo
    Discorsi alla nazione
    di e con Ascanio Celestini
    Il tiranno è chiuso nel palazzo. Non ha nessun bisogno di parlare alla massa. I suoi affari sono lontani dai sudditi, la sua vita è un’altra e non ha quasi nulla in comune con il popolo che si accontenta di vedere la sua faccia stampata sulle monete. Eppure il tiranno si deve mostrare ogni tanto. Deve farsi acclamare soprattutto nei momenti di crisi quando rischia di essere spodestato. Così si affaccia, si sporge dal balcone del palazzo e rischia di diventare un bersaglio.
    Biglietti: intero 10 euro, ridotto 8 euro.
    www.casadeiteatri.roma.it

Altri spettacoli e stagioni sono segnalati nella sezione Teatro e danza su questo sito.

Ultimo aggiornamento 17/03/2015