Approfondimenti

Bookmark and Share
Foto

Il sistema universitario in Spagna

L'istruzione superiore in Spagna offre percorsi di studio professionali, artistici e universitari, aperti anche a studenti stranieri

La Spagna, come l’Italia, è parte dello Spazio Europeo dell’Istruzione Superiore. Avviato nel 1999 con il Processo di Bologna, il sistema di riforma dell’istruzione superiore ha coinvolto 46 paesi dell’area europea con l’obiettivo di rendere i sistemi nazionali più compatibili e comparabili, competitivi e attraenti per gli studenti europei.

Chi desidera studiare in Spagna dovrà dimostrare una buona conoscenza della lingua, che può essere certificata dal conseguimento di esami di conoscenza della lingua spagnola. È importante sapere che in Spagna ci sono delle regioni bilingue: la Galizia, il Paesi Baschi, Navarra, Catalogna, Valencia e le Isole Baleari (in questo caso sia la singola università, sia il singolo docente, possono decidere se fare lezione in spagnolo o nella lingua co-ufficiale della comunità). Le lingue ufficiali sono Spagnolo, Galiziano, Catalano e Euskera.

Istruzione superiore 

In Spagna, dopo aver ottenuto il titolo di Bachiller o Técnico (equivalente al Diploma italiano di scuola secondaria di secondo grado), è possibile proseguire gli studi scegliendo tra istruzione non universitaria e universitaria.

Fanno parte dell’Istruzione superiore non universitaria:

Al termine di questi percorsi, si consegue il titolo di Técnico Superior, che permette a chi lo desidera di accedere direttamente, senza prova di ammissione, a determinati corsi universitari legati al proprio settore di specializzazione.

Un elenco dei corsi di formazione professionale e dei vari gradi dei percorsi sono disponibili sul sito dedicato. Mentre i corsi artistici sono consultabili su Studyinspain.info.

Il sistema di Istruzione universitaria, riformato nel 2007, comprende Università pubbliche e private. La riforma prevede tre cicli formativi successivi e l'introduzione del sistema dei crediti ECTS (European Credit Transfer System). 
Del sistema di Istruzione universitaria fa parte anche l’Enseñanzas artísticas superiores (Alta Formazione Artistica) con un'offerta formativa che si articola nei corsi di studio di musica, danza, arti drammatiche, conservazione e restauro dei beni culturali, arti plastiche e disegno.

Da Documenti allegati, qui a destra, è possibile scaricare uno schema riassuntivo del sistema educativo in Spagna, elaborato dal Ministerio de Educación, Cultura y Deporte.

Torna su

Gli istituti universitari 

Nonostante secoli di storia, il sistema universitario spagnolo ha vissuto la sua più forte crescita negli ultimi due decenni. Attualmente, la Spagna conta circa 80 università tra strutture pubbliche (50) e private (34). A completare l’offerta formativa, l'Università Nazionale di Educazione a Distanza (UNED). Lo stesso ente si occupa di fare da tramite per l'invio di tutta la documentazione per l'iscrizione: sul sito è spiegato che documenti occorre presentare, in che tempi e che possiiblità di studio ci sono per i possessori dei diversi titoli di studio. È utile sapere poi che negli uffici di molti atenei ci sono dipendenti italiani, che possono aiutare nella compilazione delle pratiche di iscrizione.
È bene sapere che il sistema universitario prevede per lo più verifiche scritte (il che naturalmente presuppone una buona conoscenza della lingua).

Sul sito del Ministerio de Educación, Cultura y Deporte, è possibile consultare il Registro delle Università, dei Centri e dei Titoli (RUCT) che compongono il sistema universitario spagnolo e nel quale è possibile trovare le informazioni più rilevanti e aggiornate.

Un riferimento fondamentale per reperire tutte le informazioni utili per preparare un soggiorno di studio in Spagna è il sito Universia.es/universidades

Per la scelta del corso di studi e dell'istituzione formativa è utile anche consultare Sepie.es. Altro strumento utile per la scelta e come bussola per la procedura amministrativa di ammissione è Studyinspain.info.

Torna su

Cicli di studio e titoli 

Il nuovo assetto degli insegnamenti universitari e dei titoli ufficiali, in linea con il processo d’integrazione europea nel settore dell’istruzione superiore, si divide in tre cicli:

  • Grado (Laurea)
    I piani di studio corrispondono a 240 crediti; comprendono tutta quella formazione teorica e pratica che uno studente deve acquisire: aspetti di base del filone di insegnamento, materie obbligatorie o facoltative, seminari, tirocini esterni, lavori guidati, tesi o altre attività formative.
  • Postgrado/Máster (Laurea Magistrale)
    I piani di studio volti al conseguimento dei titoli di Laurea Magistrale hanno tra i 60 e 120 crediti; prevedono una formazione teorica e pratica con materie obbligatorie, materie facoltative, seminari, tirocini esterni, lavori guidati, tesi, attività di valutazione e altre attività che si rendono necessarie a seconda delle caratteristiche di ciascun titolo.
  • Doctorado/Doctoratto (Dottorato di ricerca)
    I corsi di Dottorato sono finalizzati ad una formazione avanzata nelle tecniche di ricerca; possono comprendere corsi, seminari o altre attività volte alla formazione per la ricerca e si concludono con l’elaborazione e presentazione della corrispondente tesi di dottorato, che consiste in un lavoro originale di ricerca. Per ottenere il titolo di Dottore è necessario aver superato un periodo di formazione e uno di ricerca guidata.
Torna su

Corsi di studio 

Dal I ciclo di studi, l’offerta formativa universitaria in Spagna presenta una vasta offerta di corsi, riferiti a cinque aree disciplinari:

  • Arte e Scienze Umanistiche
  • Scienze
  • Scienze della Salute
  • Scienze Sociali e Giuridiche
  • Ingegneria e Architettura

Al termine del I ciclo di studi si otterrà il titolo di Graduado in una delle aree disciplinari indicate. I piani di studio di carattere multidisciplinare vengono ascritti nell’area predominante come numero di insegnamenti.

Torna su

Ammissione e tasse 

Per accedere al I ciclo dei corsi di laurea nelle Università spagnole è necessario:

  • aver conseguito il diploma di istruzione secondaria superiore (Bachiller) e aver superato l’esame di ammissione universitaria (PAU - Prueba de Accesso a la Universidad);
  • aver conseguito il diploma di Técnico Superior in qualsiasi settore della formazione professionale per accedere a determinati corsi universitari legati al proprio settore di specializzazione.

Bisogna inoltre tener presente che determinate Università o Facoltà prevedono prove di accesso aggiuntive e specifiche e possono richiedere eventuali verifiche del livello di conoscenza della lingua spagnola per gli studenti stranieri.

Ogni anno le università mettono a disposizione un numero variabile e limitato di posti per ciascuna facoltà (anche se non è previsto un numero chiuso). La graduatoria degli ammessi viene stilata in base al punteggio ottenuto nella prova di accesso PAU e ai risultati ottenuti negli ultimi due anni della scuola superiore.
In generale, è decisivo conseguire un punteggio elevato per una Università pubblica, mentre può essere meno determinante per l’accesso in Università private.

Per l'accesso ai corsi di studi universitari rimandiamo al sito del National Distance Education University (UNED) Portal.uned.esPer ulteriori informazioni, consultare su Uned.es le sezioni relative all'ammissione agli atenei pubblici o privati. Sempre su Uned è possibile simulare le procedure di accesso (a seconda del proprio titolo di studi), così da essere preparati alla compilazione.

Le tasse di iscrizione ad una Università pubblica possono variare dai 700 ai 4000 euro all’anno a seconda del tipo di studi (fonte: Eurydice).

Torna su

Riconoscimento dei titoli 

In conformità con la Convenzione Europea sull'equivalenza dei diplomi, che prevede condizioni di reciprocità per il riconoscimento dei titoli di studio tra i vari Paesi dell’UE, agli studenti italiani viene richiesto il Diploma di scuola secondaria di secondo grado per accedere al I ciclo dei corsi universitari in Spagna.

Gli studenti con un titolo equivalente a quelli di Formazione Professionale spagnoli (Cicli Formativi di Secondo Grado) dovranno richiedere l’omologazione, per accedere a determinati corsi universitari affini agli studi realizzati.

Chi ha già intrapreso studi universitari in Italia e vuole proseguirli in Spagna, o chi ha già conseguito un titolo universitario, può trovare sul sito del Ministerio de Educación, Cultura y Deporte sia la modulistica che informazioni sul riconoscimento dei propri studi e titoli in Spagna.

Per avere maggiori informazioni sul riconoscimento dei titoli si può far riferimento inoltre al Centro ENIC-NARIC in Spagna.

Torna su

Borse di studio 

L'Agencia Española de Cooperación Internacional para el Desarrollo (AECID) gestisce i Programmi di borse di studio per studenti stranieri (Programas de Becas MAEC- AECI Para Extranjeros) finanziati dal Ministerio de Asuntos Exteriores y de Cooperación. Questi programmi rappresentano la principale opportunità di finanziamento per studi superiori (Laurea Magistrale e Dottorato di Ricerca) rivolte a cittadini provenienti da altri Paesi. Per informazioni aecid.es.
I Bandi, pubblicati annualmente su gazzetta ufficiale, sono di diversa natura e si rivolgono a candidati specifici per provenienza geografica (molte opportunità sono ad esempio riservate ai candidati provenienti dall’America Latina). Ciascun bando descrive nel dettaglio i requisiti specifici richiesti, le scadenze per inoltrare le domande e l’entità della borsa di studio che si può ottenere.
Una volta inoltrata domanda, bisogna superare un test d’esame che, generalmente, si tiene presso l’Ambasciata spagnola a Roma, alla quale è possibile rivolgersi anche per chiedere maggiori informazioni.
La maggior parte delle borse di studio è offerta da università, governi regionali e dal programma Erasmus+. Ma segnaliamo anche quelle offerte da vari enti come:

Per gli studenti di qualsiasi provenienza, già impegnati in un percorso di formazione in Spagna, segnaliamo:

  • Il Ministerio de Educación predispone ogni anno borse di studio, contributi per le spese di iscrizione, per la mobilità, per gli studenti fuori sede, per il trasporto extraurbano, per libri e materiale didattico, per il Progetto di fine carriera.
    Per maggiori informazioni mecd.gob.es
  • Becas Faro Global / Becas Argo Global sono due programmi che permettono agli iscritti all’ultimo anno di tutte le Università spagnole la possibilità di realizzare un periodo di tirocinio all’estero.
    becasfaro.es - becasargo.es

Per cercare opportunità di finanziamento agli studi si può inoltre consultare il portale becas.universia.es. Scegliendo dal menù alto della pagina Origines Sollecitante si possono facilmente filtrare i risultati per paese di provenienza e verificare se ci sono bandi destinati a studenti italiani.

Torna su

Conoscere la lingua 

La conoscenza dello spagnolo è naturalmente un utile plus per vivere in Spagna e ambientarsi in maniera più immediata. I corsi di lingua possono essere seguiti direttamente in Spagna (vedi su Studyinspain.info) e possono essere ospitati dalle EEOOII (Escuelas Oficiales de Idiomas), da università, centri autorizzati dall'Instituto Cervantes, Accademie private. Ce ne sono di estivi o annuali. 

Chi preferisce imparare la lingua in patria può rivolgersi all'Instituto Cervantes, che ha sedi a Roma, Napoli, Milano e Palermo.

Torna su

Informazioni

Ambasciata di Spagna a Roma - Ufficio Didattico

Indirizzo: Piazza dell'oro, 3 - ROMA (RM)

Telefono: 06.68307303

Email: consejeria.it@mecd.es

Sito web: http://www.mecd.gob.es/italia/it_IT/

Fonti

Let's go Spain! di Informagiovani Roma Capitale del 19 aprile 2018

Sito dell'Università Nazionale di Educazione a Distanza (UNED)

Sito del Ministerio de Educación, Cultura y Deporte

Universia.es/universidades

Sito della Consejería de Educación della Ambasciata di Spagna in Italia, ufficio del Ministero dell'Istruzione, Cultura e dello Sport (MECD) in Italia, Grecia e Albania Mecd.gob.es/italia/portada

Parole chiave

dottorato laurea istruzione superiore laurea magistrale studiare all'estero borse di studio Spagna sistema universitario spain

Ultimo aggiornamento 27/03/2019