Opportunità

Bookmark and Share
Europa per i cittadini 2014 2020

Europa per i cittadini 2014-2020

Il programma comunitario per la cittadinanza europea, la partecipazione democratica e il dialogo interculturale

Il Programma Europa per i Cittadini 2014-2020 mira ad avvicinare i cittadini europei all’Unione Europea, colmando anche la distanza dalle istituzioni che questi possono avvertire. A questo scopo, supporta economicamente organizzazioni attive in settori attinenti e co-finanzia progetti tesi al raggiungimento degli obiettivi prefissati.
Il Programma è il proseguimento di quello omonimo, attivo dal 2007 al 2013, che ha riscosso particolare successo sia a livello europeo che nazionale: l’Italia, infatti, è finora una delle nazioni europee con il più alto numero di progetti presentati e selezionati.

Obiettivi generali

  • contribuire alla comprensione, da parte dei cittadini, della storia dell’Unione Europea e della diversità culturale che la caratterizza;
  • promuovere la cittadinanza europea e migliorare le condizioni per la partecipazione civica democratica a livello di Unione Europea.

Obiettivi specifici

  • sensibilizzare alla memoria, alla storia e ai valori comuni dell'Unione Europea, nonché alle sue finalità, quali la promozione della pace, dei valori condivisi e del benessere dei suoi cittadini, stimolando il dibattito, la riflessione e lo sviluppo di reti
  • incoraggiare la partecipazione democratica e civica dei cittadini a livello di Unione, permettendo ai cittadini di comprendere meglio il processo di elaborazione politica dell'Unione e creando condizioni adeguate per favorire l'impegno sociale, il dialogo interculturale e il volontariato.

Struttura del Programma
Il Programma si articola in due filoni:

Lo Strand 1 - Memoria europea attiva promuove:

  • progetti di riflessione sui regimi totalitari nella storia Europea e la commemorazione delle loro vittime;
  • progetti riguardanti gli altri momenti fondamentali della recente storia europea.

Saranno supportate azioni che incoraggino la tolleranza e il dialogo interculturale, in grado di raggiungere anche le nuove generazioni. I progetti dovrebbero includere diverse tipologie di organizzazioni, sviluppare diversi tipi di attività complementari o che coinvolgano cittadini di diversi target. Dovrebbero inoltre essere realizzati a livello internazionale, tramite la creazione di partenariati e reti multinazionali, ed essere contraddistinti da una chiara dimensione europea.
Tipologia di enti partecipanti: autorità pubbliche locali/regionali o enti non a scopo di lucro, quali associazioni di sopravvissuti, associazioni culturali, enti di istruzione e di ricerca.

Lo Strand 2 - Impegno democratico e partecipazione civica si compone di 3 sotto-misure:

  • Gemellaggio fra città: per progetti sia tradizionali che sotto forma di accordi di partenariato a lungo termine.
    Tipologia di enti partecipanti: municipalità, comitati di gemellaggio rappresentanti gli enti locali, enti non a scopo di lucro rappresentanti gli enti locali.
  • Reti di città: per progetti in grado di creare reti che rafforzino la cooperazione internazionale, che promuovano lo scambio di esperienze, opinioni e buone pratiche.
    Tipologia di enti partecipanti: municipalità, comitati di gemellaggio, autorità locali/regionali, federazioni/associazioni di autorità locali; enti non a scopo di lucro rappresentanti gli enti locali. I partner possono essere organizzazioni non a scopo di lucro.
  • Progetti della società civile: per progetti promossi da reti di partenariato internazionali, che coinvolgano direttamente i cittadini consentendo loro di partecipare concretamente al processo di integrazione europea. Le attività previste riguardano la promozione dell’impegno sociale, della solidarietà, del dialogo interculturale; la raccolta di opinioni; il volontariato.
    Tipologia di enti partecipanti: enti non a scopo di lucro come ad esempio organizzazioni della società civile, associazioni culturali, enti di ricerca, enti di istruzione. Le autorità locali/regionali possono essere partner.

E' previsto uno Strand trasversale - Azione orizzontale di valorizzazione, pensato per valorizzare i risultati dei progetti selezionati ed incrementare l’impatto e l’efficacia del Programma.

Riferimenti utili
Responsabile dell’attuazione del Programma Europa per i Cittadini è la Commissione Europea DG - Communication.
La Commissione si avvale per l’attuazione pratica della maggior parte delle azioni del Programma dell'EACEA - Education, Audiovisual and Culture Executive Agency, l'Agenzia Esecutiva per l’Istruzione, gli Audiovisivi e la Cultura.
L’EACEA è responsabile anche degli ECPs - Europe for Citizens Points, strutture nazionali dei paesi partecipanti che danno informazioni sul Programma e supportano i potenziali beneficiari delle sovvenzioni.

L’ECP - Europe for Citizens Point Italy, istituito presso il Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo, è il Punto di Contatto Nazionale per il Programma. L'ECP Italy organizza seminari, conferenze, giornate informative sulle modalità e i requisiti di partecipazione e workshop tecnici sulla preparazione pratica della candidatura.
Sul sito dell’ECP Italy sono inoltre disponibili tutte le informazioni relative a bandi attivi, scadenze, risultati delle selezioni, appuntamenti e approfondimenti. L’ECP fornisce inoltre supporto ai potenziali beneficiari delle sovvenzioni, tramite l’helpdesk telefonico, contatti via mail e appuntamenti in sede.

Per saperne di più
Per conoscere i programmi europei del settennio 2014-2020 è possibile consultare la sezione dedicata ai Programmi Europei presente nel nostro portale.

Ultimo aggiornamento 26/03/2019