Opportunità

Bookmark and Share
Foto

Tirocini alla FAO

L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura offre tirocini per studenti universitari e neolaureati. Candidature aperte tutto l'anno

La FAO - Food and Agriculture Organization of the United Nations, l'organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura, offre un programma di tirocini che possono costituire un'occasione di arricchimento personale e professionale.
I tirocini possono essere svolti da studenti o neolaureati presso una delle sedi centrali o decentrate distribuite in varie parti del mondo.

Requisiti
Per presentare domanda occorre:

  • non avere più di 30 anni di età;
  • essere neolaureati o studenti iscritti ad un corso di laurea in atenei o istituzioni di livello universitario riconosciuti ed aver compiuto almeno gli ultimi due anni di studi in un settore di interesse per la FAO oppure partecipare ad un programma accademico governativo per studenti o neolaureati;
  • avere una buona conoscenza della lingua inglese, francese o spagnola (la conoscenza di una delle altre due o dell'arabo, del russo o del cinese costituisce titolo preferenziale);
  • non avere relazioni di parentela con membri dello staff dell'Organizzazione (non essere figli, fratelli o sorelle).

Durata
Per candidati individuali la durata del tirocinio solitamente varia da 3 a 11 mesi. Per candidati sponsorizzati da altre istituzioni, la durata dipende dagli accordi conclusi con la FAO.

Retribuzione
I tirocinanti riceveranno una retribuzione mensile di 700 dollari USA (la retribuzione può variare nel caso di tirocini sponsorizzati da altre istituzioni).

Come candidarsi
Gli interessati possono presentare domanda, tramite l'apposito form online iRecruitment, creando il proprio profilo, allegando una lettera di presentazione e candidandosi per la vacancy per l'Internship Programme. Le candidature ritenute ammissibili saranno conservate per un periodo massimo di 6 mesi. Il processo di selezione è aperto durante tutto l'anno.

Ulteriori informazioni sul sito Fao.org.

Ultimo aggiornamento 20/06/2019