Opportunità

Bookmark and Share
Foto

Dal 21 Aprile 2016 al 15 Gennaio 2017

Aiuti all'avviamento aziendale per i giovani agricoltori 2016

Obiettivo dell'iniziativa è favorire il ricambio generazionale nella gestione delle imprese agricole. Beneficiari sono i giovani agricoltori con età compresa tra 18 e 40 anni 

Pubblicato sul BURL del 21 aprile 2016 il bando pubblico Aiuti all'avviamento aziendale per i giovani agricoltori nell'ambito del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2020 - sottomisura 6.1 della Regione Lazio.

Obiettivo dell'iniziativa è favorire il ricambio generazionale nella gestione delle imprese agricole incentivando anche i processi di ricomposizione fondiaria, nonché promuovere tecniche innovative per le aziende agricole e agevolare l’accesso al capitale fondiario da parte di giovani agricoltori. La sottomisura si applica su tutto il territorio regionale.

A chi si rivolge
I soggetti beneficiari devono soddisfare le seguenti condizioni di ammissibilità:

  • avere un’età compresa tra i 18 anni compiuti e non superiore ai 40 (non aver compiuto i quarantuno anni);
  • essere in possesso di adeguate conoscenze e competenze professionali, che si intendono acquisite dai soggetti che abbiano uno dei seguenti requisiti: aver conseguito un titolo di studio di livello universitario in materia agraria e/o forestale, oppure di scuola superiore secondaria in materia agraria; oppure essere in possesso di un attestato di frequenza con profitto a corsi di formazione professionali della durata minima di 150 ore (vedi bando per le tipologie di corsi ammessi); oppure essere in possesso di un’esperienza lavorativa, dopo aver assolto l’obbligo scolastico, di almeno 2 anni in qualità di coadiuvante familiare o di lavoratore agricolo, documentata dall’iscrizione al relativo regime previdenziale e perfezionata con la partecipazione ad un corso di formazione professionale della durata minima di 50 ore (vedi bando per le tipologie di corsi ammessi - requisito che può essere soddisfatto anche successivamente alla presentazione della domanda di sostegno e comunque non oltre i 36 mesi successivi al provvedimento di concessione del premio di primo insediamento);
  • insediarsi in una azienda agricola di dimensione economica minima, in termini di produzione standard totale, non inferiore a 15.000 euro (ridotto a 10.000 euro nel caso di aziende ricadenti in zone montane come individuate con la regolamentazione sullo sviluppo rurale). In ogni caso l’azienda ove si insedia il giovane agricoltore non può avere una dimensione economica, in termini di produzione standard totale, superiore a 1 milione di euro;
  • aver aperto una partita IVA in campo agricolo ed aver provveduto all’iscrizione alla Camera di Commercio, Industria Agricoltura e Artigianato (CCIAA) (codice ATECO 01); 
  • aver inoltrato richiesta di iscrizione all’INPS per la costituzione di una posizione previdenziale; 
  • presentare un Piano di Sviluppo Aziendale (relazione) il quale dovrà prevedere che il giovane agricoltore sia conforme al regolamento che definisce l'agricoltore attivo entro 18 mesi dalla data di insediamento;
  • il giovane deve dimostrare di avere la disponibilità dell’azienda ove avviene l’insediamento per un periodo minimo di 7 anni a decorrere dalla data di presentazione della domanda di sostegno; 
  • il beneficiario deve essere in grado di esercitare, nell’azienda ove si insedia, un controllo efficace e di lunga durata in termini di decisioni connesse alla gestione, ai benefici e ai rischi finanziari. Al fine di soddisfare tale requisito, in caso di insediamento in una società, sul bando sono riportate le condizioni relative alla gestione e al controllo che il giovane deve possedere nelle diverse forme societarie.

Contributi
Il sostegno concesso per l’insediamento è di 70mila euro per ciascun progetto approvato.

Modalità di partecipazione
La presentazione della domanda di sostegno deve avvenire entro il 15 gennaio 2017 (scadenza prorogata).
La domanda di sostegno (redatta secondo il modello riportato nel sito dedicato) in funzione dell’ambito provinciale ove si intende realizzare l’intervento, va inoltrata ai seguenti indirizzi: ADA di Frosinone - adafrosinone@regione.lazio.legalmail.it; ADA di Latina - adalatina@regione.lazio.legalmail.it; ADA di Rieti - adarieti@regione.lazio.legalmail.it; ADA di Roma - adaroma@regione.lazio.legalmail.it; ADA di Viterbo - adaviterbo@regione.lazio.legalmail.it.

Bando completo, formulario di candidatura e maggiori informazioni sono disponibili su Lazioeuropa.it.

Ultimo aggiornamento 28/09/2016