News

Bookmark and Share
Nei miei panni

Nei miei panni

In occasione della Giornata mondiale contro il razzismo, in programma per il 21 marzo, l'UNAR propone la campagna di sensibilizzazione strutturata come un gioco online

Nei miei panni è un progetto a cura dell'UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) nato nell'ambito della campagna di sensibilizzazione contro il razzismo che culminerà il 21 marzo, Giornata mondiale contro il razzismo.

Nei miei panni è un semplice videogioco online che propone ai partecipanti di mettersi nei panni di un migrante che vuole vivere in Italia. Le storie sono ispirate a tre personaggi di fantasia ma basate su dati statistici reali: c’è Moudou, un uomo di 31 anni che ha una moglie, due figli e due genitori che vivono in Senegal, laureato in ingegneria, che vive in Italia da qualche tempo e ha il permesso di soggiorno valido ancora 2 mesi; c’è Katerina, 40enne sposata costretta a lasciare marito e 3 figli a Kiev, possiede un diploma di infermiera e un regolare permesso di soggiorno che scadrà a breve; infine c’è Ahmed, perito meccanico di 23 anni, con una moglie, fratelli e anziani genitori che vivono in Tunisia, entrato in Italia con visto turistico.

Come si vede tre profili perfettamente plausibili, tre tipologie di immigrati che si ispirano a persone che quotidianamente lottano con condizioni di vita e lavoro massacranti, spesso sulla soglia dell’indigenza e del maltrattamento. Molti di questi fatti accadono quotidianamente agli oltre 5 milioni di immigrati che vivono nel nostro paese. Basta mettersi nei panni dell’altro per capire che le discriminazioni razziali non hanno ragione di esistere. 

Parole chiave

stranieri migranti immigrati online videogioco unar giornata mondiale contro il razzismo gioco nei miei panni

Ultimo aggiornamento 12/03/2013