News

Bookmark and Share
Startup e digital innovation

Startup e digital innovation

I risultati della ricerca che analizza il dibattito avvenuto sui social network su innovazione ed ecosistema delle startup 

Trecentoventinovemila tweet, 140.000 utenti unici e 1 miliardo di impression generate: questi i numeri dell’indagine 2014 realizzata dal marketing digital lab di IBM Italia e da Talent Garden con l’obiettivo di analizzare il dibattito che ruota intorno all’innovazione e al mondo delle startup sui social network e in particolare su Twitter, il canale social che meglio sa favorirlo.

Per individuare i protagonisti di un dialogo senza soluzione di continuità, così come gli argomenti e i momenti di maggiore aggregazione, i team di lavoro sono partiti dall’esame delle conversazioni ospitate da otto magazine online (Wireditalia, Che Futuro, CorrInnovazione, EconomyUp, Startupbusiness, Ideastartup, Startup_Italia e Startupperblog) filtrando quindi l’impressionante numero di tweet con l’impiego degli hashtag più rappresentativi.

Sono tre i macrotemi cui è possibile ricondurre le centinaia di migliaia di tweet indagati. Il primo chiama in causa gli Open Data e in ambito normativo si attende il ruolo abilitante che dovrebbero svolgere le Istituzioni di cui si avvertono il distacco e i ritardi. Un secondo filone individua invece il mercato emergente della sharing economy che spinge alla rivisitazione del modo di lavorare e fare business (per esempio il crowdfunding), mentre l’ultimo aggregato evidenzia il grado di attenzione alla digital economy da parte degli maggiori imprenditori delle ICT.
Nella classica degli hashtag più utilizzati, alle spalle degli attesi #startup e #innovazione, si piazzano infatti #crowdfunding, #opendata e #bitcoin (ossia le monete alternative).   Analizzate anche differenze di genere e dati geografici. Mentre gli uomini, ben rappresentati con un 72% di conversazioni rilevate, si concentrano più su temi legati ad aspetti tecnici e finanziari, le donne dimostrano maggiore propensione ad argomenti come la condivisione, la creatività e il design. Entrambi vivono in maggior misura a Milano, seguita da Roma e, con un distacco percentuale via via significativo, in centri come Torino, Brescia, Napoli, Venezia, Bologna, Trento, Pisa e Modena.

I dettagli e l’infografica realizzata sono consultabili sul sito Ibm.com.

Parole chiave

social network twitter crowdfunding startup IBM hashtag sharing economy tag talent garden digital economy bit-coin

Ultimo aggiornamento 06/03/2015