News

Bookmark and Share
Foto

Un bando contro la fuga dei cervelli

Dalla Regione Lazio risorse alle Università per sostenere la permanenza in Italia dei nostri ricercatori

Dalla Regione Lazio un bando per contrastare la fuga dei cervelli e sostenere la permanenza nel Paese dei nostri ricercatori. Attraverso il nuovo avviso pubblico Contributi per la permanenza nel mondo accademico delle eccellenze, che prevede uno stanziamento di risorse a valere sul Fondo sociale europeo di 2,3 milioni di euro, la Regione garantisce alle università pubbliche e private con sede nel Lazio la possibilità di erogare borse di studio ai dottori di ricerca più meritevoli, che potranno così vedersi riconosciuto non solo un assegno mensile ma anche finanziamenti per la realizzazione delle proprie ricerche.

Gli Atenei, per usufruire di tale contributo, dovranno presentare progetti triennali che prevedono contratti della durata 36 mesi, che siano coerenti con le esigenze di sviluppo del territorio e contribuiscano a mettere in rete il sistema regionale della ricerca e dell’innovazione con il sistema produttivo. Ogni progetto, a cui possono partecipare anche più ricercatori, può ricevere un contributo complessivo di 72,5 mila euro.
Le domande potranno essere inoltrate a partire dal 29 gennaio e fino al 21 aprile 2020, ore 12.00 (termine prorogato).

Ulteriori informazioni e Bando sul sito Regione.lazio.it.

Parole chiave

università Regione Lazio ricerca ricercatori dottori di ricerca borse di dottorato bando 2020

Ultimo aggiornamento 01/04/2020