Approfondimenti

Bookmark and Share
Foto

La formazione nel settore turistico

I possibili percorsi formativi da intraprendere per lavorare in un settore strategico fortemente attrattivo e che offre spazio ai giovani

Mercato del lavoro 

Il turismo è un settore economico strategico per l’Italia che vanta un patrimonio storico, culturale e ambientale unico al mondo.  Oggi il turismo incide per circa il 10% sul PIL nazionale (dati Eurispes) e, nonostante la crisi economica ancora non superata, si stima che il suo valore crescerà nei prossimi anni, con ottime prospettive in campo occupazionale. In questo quadro, Roma registra di stagione in stagione una crescita esponenziale dei flussi turistici, con ricadute economiche positive per tutta la città.

Trend occupazionali
Sul fronte occupazionale, il settore turistico conta quasi 1 milione di posti di lavoro in Italia, ovvero circa il 5% dell’occupazione nazionale ed è un traino per l'occupazione giovanile (i giovani rappresentano il 63 per cento degli occupati).
Dall’industria dei viaggi all'alberghiero e alla ristorazione, sono diversi i ruoli e i tipi di attività che possono essere svolti in questo settore che si sta fortemente evolvendo grazie ad internet, ai nuovi flussi provenienti dai paesi emergenti e alle nuove frontiere delle "esperienze" di viaggio. Per questo l’emergere di nuove figure professionali altamente specializzate e adeguatamente formate apre buone prospettive ai giovani in cerca di occupazione.
Per saperne di più consulta la guida sulle Professioni del turismo.

Competenze più richieste
Nella scelta del percorso formativo bisogna tener conto del fatto che tra le skill più ricercate spiccano oggi la conoscenza delle lingue straniere e competenze legate al web e al digitale.
Tra i laureati emergono figure con una preparazione multidisciplinare (economica, urbanistica, umanistica e sociologica) in grado di effettuare un’analisi dei territori per la costruzione di un’offerta turistica accurata, rispettosa dell'ambiente e strettamente legata al contesto.

Torna su

La formazione in Italia  

Molti ragazzi scelgono di formarsi nel turismo già da molto giovani. Nell’anno scolastico 2016/17, secondo i dati del MIUR, sebbene siano calate le iscrizioni generali degli Istituti Tecnici, cresce il numero di iscritti per l’indirizzo Turismo. Tra i giovani che si iscrivono ad un Istituto professionale è il settore dei “Servizi” che raccoglie il maggior numero di iscrizioni (10,5%). 
L’offerta formativa accademica in Italia resta ampia con circa 64 tipi di percorsi proposti nell’anno accademico 2013-2014, tra corsi di laurea triennali, magistrali e master di primo e secondo livello (Dati Cliclavoro).
In crescita anche l’interesse verso gli Istituti Tecnici Superiori (sono 12 in Italia quelli dedicati alle tecnologie innovative per i beni e le attività culturali/turismo) i cui corsi biennali post-diploma assicurano una più stretta vicinanza con il mondo del lavoro, grazie al periodo di tirocino in azienda da svolgere nel percorso formativo.

Torna su

Dove studiare a Roma 

Una breve panoramica dei percorsi formativi e professionalizzanti più strettamente connessi al settore turistico, dall’ospitalità e accoglienza all’enogastronomia.

Scuola secondaria superiore e Formazione professionale

Tra gli Istituti Professionali del Settore Servizi è possibile scegliere l’indirizzo Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera (l'Alberghiero), in tre diverse articolazioni: Enogastronomia, Servizi di sala e di vendita e Accoglienza turistica.
Tra gli Istituti Tecnici del Settore Economico è presente l’indirizzo Turismo, dove si studia il settore dal punto di vista tecnico-economico.

I Centri gestiti dal Comune e dalla Provincia di Roma propongono corsi di formazione professionale gratuiti, sia per i minori che devono assolvere all’obbligo formativo o d’istruzione, che per adulti in cerca di riqualificazione professionale. Tra i corsi attinenti c’è quello per Cuoco presso i Centri di formazione professionale di Roma Capitale e quelli per Operatore della Ristorazione attivati presso i Centri provinciali di formazione professionale (CPFP), a Marino e a Castelfusano.

Post diploma

Dopo il diploma si può decidere di proseguire gli studi con una formazione avanzata alternativa all’università: è il caso dei sempre più attraenti Istituti Tecnici Superiori che propongono corsi biennali che affiancano all’attività didattica quella di tirocini per la formazione di tecnici specializzati di alta professionalità. A Roma si può fare riferimento alla Fondazione ITS per le Tecnologie Innovative per i Beni e le Attività Culturali - Turismo che organizza il corso per Tecnico Superiore per la promozione e il marketing delle filiere turistiche delle attività culturali.

Università

Il corso di laurea triennale in Scienze del Turismo (L-15), che si propone di formare operatori per la valorizzazione del settore del turismo culturale, in grado di promuovere e coordinare la fruizione delle risorse culturali territoriali e ambientali, è attivo presso la Sapienza Università di Roma, l’Università degli studi di Roma Tor Vergata e l’Università Telematica Mercatorum.

Molto specifico è il corso di laurea magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici (LM-49) che a Roma viene offerto dall’Università degli studi Tor Vergata, con l’obiettivo di introdurre lo studente alla conoscenza delle componenti essenziali del processo turistico e delle più attuali strategie di organizzazione e programmazione territoriale.

Bisogna inoltre tener conto che molti percorsi accademici, triennali o magistrali, riconducibili all’area dei Beni culturali, della Storia dell’arte o delle Lingue, possono avere come sbocchi professionali figure legate al settore del turismo, in particolare quello culturale, mentre studi accademici in ambito economico possono offrire opportunità di introdursi in ruoli gestionali o di marketing all’interno di aziende del settore. Un esempio: presso la Facoltà di Economia della Sapienza è attivo il corso in Turismo e gestione delle risorse ambientali (LM-76 Scienze Economiche per l'ambiente e la cultura).

Post laurea

Tra i master universitari di I livello offerti a Roma: l’Università Tor Vergata propone il master in Management delle Attività Turistiche e Culturali, all’Università Roma Tre è attivo il master in Linguaggi del turismo e comunicazione interculturale, mentre la School of Government della Luiss Guido Carli organizza il Master in Turismo e Territorio.

Altri enti di formazione

  • BIC Lazio, l’ente della Regione Lazio per la creazione di impresa, offre corsi gratuiti e assistenza a chi vuole avviare un’impresa, anche nel settore del turismo (es. apertura di agenzie di viaggio, bed&breakfast, …).
  • Centro Studi CTS:  l’Accademy del CTS, forte dell’esperienza maturata in attività legate al turismo e all’ambiente, propone Master e dei Corsi di specializzazione per la formazione di giovani interessati ad entrare nel mondo del turismo come manager, programmatori turistici, addetti al marketing o alla distribuzione dei servizi turistici, Assistenti turistici e Accompagnatori turistici, Addetti al turismo congressuale e al settore alberghiero, e ancora, giornalisti e reporter sulle tematiche del turismo e dell’ambiente. 
  • UET - Scuola Universitaria Europea per il Turismo, con sede a Roma, Milano e Palermo, offre corsi e master in Food & beverage Management, Direzione delle Strutture Alberghiere e Ricettive, Management delle Destinazioni Turistiche, Tourism & Hotel Web Marketing.
  • La Business School del Sole 24 ORE propone il Master in Management dell'hotellerie, in Management della ristorazione e Management delle imprese turistiche
  • Il Centro Studi del Touring Club Italiano propone convegni e corsi di approfondimento su turismo e cultura.
Torna su

Link utili  

Torna su

Ultimo aggiornamento 11/10/2017