Opportunità

Bookmark and Share
Foto

Dal 22 Ottobre 2018 al 12 Novembre 2018

Corso di Alta Formazione in Archivistica Contemporanea 2018/19

30 i posti a concorso per laureati in tutte le discipline o appartenenti alle PA. Iscrizione gratuita per i primi 6 in graduatoria tra laureati e concorrenti di Paesi in via di sviluppo

L’Archivio Centrale dello Stato, in convenzione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche e in collaborazione con l’Agenzia per l’Italia Digitale, ha pubblicato il Bando di ammissione per il Corso di Alta Formazione in Archivistica Contemporanea a.a. 2018/2019.

Requisiti
Possono partecipare al Corso, senza limitazioni di età e cittadinanza, coloro che sono in possesso di:

  • un titolo universitario appartenente ad una qualsiasi classe di laurea specialistica/magistrale (nuovo ordinamento)
  • una laurea di vecchio ordinamento (precedente alla riforma del D.M. 509/99).

Sono inoltre ammessi coloro i quali sono in possesso di titoli accademici rilasciati da università straniere, riconosciuti equipollenti.
Su segnalazione del dirigente dell’ufficio di appartenenza, può accedere al Corso il personale delle Pubbliche Amministrazioni, anche se non in possesso di laurea.

Didattica
Il Corso prevede 150 ore di attività in presenza articolate in lezioni frontali, conferenze, workshop e seminari. Il piano dell’offerta formativa, incentrato su contenuti di carattere interdisciplinare attinenti alla trasmissione e alla leggibilità delle memorie digitali, si propone di creare figure professionali polivalenti, capaci di governare sistemi archivistici complessi – cartacei, digitali e ibridi – attraverso l’impiego delle tecnologie informatiche e della comunicazione. I temi oggetto di studio riguardano l’informatica documentale, la gestione dei flussi documentali, la conservazione digitale, il funzionamento degli organi centrali e periferici dello Stato, le procedure di declassificazione della documentazione archivistica e il diritto alla riservatezza e alla privacy.
Le lezioni sono tenute da professori universitari, esperti di chiara fama e dirigenti e funzionari delle Pubbliche Amministrazioni.
Le attività didattiche inizieranno entro dicembre 2018 e si concluderanno entro giugno 2019. Le lezioni frontali si terranno a Roma, nella Sala Convegni dell’Archivio Centrale dello Stato, in Piazzale degli Archivi, 27. La frequenza è obbligatoria.

Certificazione rilasciata
A conclusione del percorso formativo, verrà rilasciato un attestato di frequenza.

Posti disponibili
Il numero dei posti messi a concorso è pari a 30, di cui 10 riservati al personale delle Pubbliche Amministrazioni.

Selezione
Si accede al Corso previa valutazione del titolo di studio e il superamento di un colloquio motivazionale.

Quota di iscrizione ed esoneri
La quota di iscrizione è pari a 800 euro, pagabile in tre rate. Per il personale delle Pubbliche Amministrazioni, la quota di iscrizione è a carico dell’ufficio di appartenenza.
Sono previsti 6 esoneri dal pagamento della quota di iscrizione, di cui 3 riservati ai primi 3 candidati nella graduatoria di merito, che non siano titolari di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o che siano titolari di un contratto di lavoro a tempo determinato inferiore ai 12 mesi. I restanti 3 esoneri sono riservati ai candidati, collocati utilmente nella graduatoria di merito, residenti in uno dei Paesi in via di sviluppo compresi nell’elenco del D.M. 1° agosto 2015 n. 594.

Scadenze e modalità di presentazione della domanda
Le domande di ammissione, con la documentazione richiesta nel Bando, dovranno pervenire tramite raccomandata A/R, con consegna a mano o con posta certificata all’indirizzo mbac-acs@mailcert.beniculturali.it, entro e non oltre il 12 novembre 2018.

Ulteriori informazioni, Bando e modulistica sul sito Acs.beniculturali.it.

Ultimo aggiornamento 22/10/2018