#header ul li.colore-cultura a { color: #b675c6 !important; } #header ul li.colore-cultura a:after { width: 80% !important; }

Cultura e spettacolo Mostre

Dacia. L’ultima frontiera della romanità

Dal 21 novembre 2023 al 21 aprile 2024
Oltre 1000 reperti archeologici che ripercorrono lo sviluppo storico e culturale del territorio dell’attuale Romania lungo un periodo di più di mille anni
Dacia. L’ultima frontiera della romanità
Arriva alle Terme di Diocleziano la grande mostra Dacia. L’ultima frontiera della romanità: oltre 1000 reperti archeologici che ripercorrono lo sviluppo storico e culturale del territorio dell’attuale Romania.
La mostra, a cura del Muzeul Național de Istorie a României e del Museo Nazionale Romano, celebra anche un doppio anniversario per le relazioni bilaterali tra Italia e Romania: 15 anni dalla firma del Partenariato Strategico Consolidato tra i due Paesi e 150 anni dall’istituzione della prima agenzia diplomatica romena in Italia.
Con l’occasione riaprono al pubblico, dopo decenni, alcune delle Grandi Aule delle Terme di Diocleziano, che ospitarono nel 1911 la Mostra Archeologica nell’ambito delle celebrazioni per il primo cinquantenario dell’Unità d’Italia e che conservano, ancora oggi, parte dell’allestimento storico degli anni Cinquanta.

La mostra presenta oggetti archeologici provenienti da 47 musei in Romania e nella Repubblica di Moldavia e che ripercorrono l’evoluzione storica del territorio dell’attuale Romania nell’arco di più di mille anni (VIII secolo a.C. – VII secolo d.C.), testimonianza dei numerosi contatti e scambi culturali avvenuti nella regione, conseguenti a l’abbondanza di risorse e la posizione privilegiata tra Europa e Asia.

Facendo seguito al progetto di grande successo Tesori archeologici della Romania. Radici daciche e romane, realizzato nel 2021 presso il prestigioso Museo Nazionale di Archeologia di Madrid, l’esposizione è la più grande mostra sintetica dedicata alla civiltà dei Geti e dei Daci, a quella romana e a quelle dei primi migranti in questo spazio, nell’arco di oltre 1.400 anni. Tra i pezzi archeologici più preziosi ci sono l’elmo getico di Coțofenești, il Rhyton di Poroina Mare, i braccialetti d’oro dei Daci, il serpente glicone.

L’evento, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Romania e del Presidente della Repubblica Italiana, è organizzato dall’Ambasada României în Italia / Ambasciata di Romania in ItaliaMinisterul Culturii Ministerul Afacerilor ExterneMinisterul Apararii NationaleInstitutul Cultural Român / Romanian Cultural Institute attraverso l’Accademia di Romania e il Ministero della Cultura.

Ultimo aggiornamento 27/12/2023

Condividi su Seguici su

Potrebbe interessarti anche