#header ul li.colore-lavoro a { color: #d5863b !important; } #header ul li.colore-lavoro a:after { width: 80% !important; }

Lavoro e impresa Servizi sociali e ai cittadini

Assegno di inclusione


Accessibile dal 18 dicembre lo strumento di sostegno economico e di inclusione sociale e professionale
Assegno di inclusione

Istituito con decreto-legge n. 48 del 4 maggio 2023, convertito con modificazioni dalla legge n. 85 del 3 luglio 2023, l’Assegno di inclusione può essere richiesto dal 18 dicembre 2023.

L’Assegno di inclusione sarà riconosciuto a decorrere dal primo gennaio 2024 quale misura di sostegno economico e di inclusione sociale e professionale, condizionata al possesso di requisiti di residenza, cittadinanza e soggiorno, alla prova dei mezzi sulla base dell’ISEE, alla situazione reddituale del beneficiario e del suo nucleo familiare e all’adesione a un percorso personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa.

A chi si rivolge
L’Assegno di inclusione è riconosciuto ai nuclei familiari che abbiano almeno un componente in una delle seguenti condizioni:

  • con disabilità;
  • minorenne;
  • con almeno 60 anni di età;
  • in condizione di svantaggio e inserito in programma di cura e assistenza dei servizi socio sanitari territoriali certificato dalla pubblica amministrazione.

Ai fini della determinazione del beneficio spettante, attraverso una scala di equivalenza si tiene conto dei componenti in una delle condizioni sopra indicate, nonché del componente che svolge funzioni di cura con riferimento alla presenza di minori di 3 anni di età, di 3 o più figli minorenni ovvero di componenti con disabilità o non autosufficienti.

Ulteriori requisiti sono indicati nel testo della misura. L’importo dell’Assegno di inclusione è composto da una integrazione del reddito familiare fino a euro 6.000 annui (sono previste integrazioni in alcune occasioni, vedere bando).

Come richiederlo
La domanda può essere presentata all’INPS, a partire dal 18 dicembre 2023, in modalità telematica: attraverso il sito internet istituzionale o tramite gli Enti Patronati e i CAF.

Tutti i dettagli sono consultabili sul sito Lavoro.gov.it.

Ultimo aggiornamento 18/12/2023

Condividi su Seguici su

Potrebbe interessarti anche